Sabato 25 Giugno 2016 - 13:45

Brexit, Sturgeon: Avviare subito colloqui tra Scozia e Ue

La prima ministra: "Inaccettabile che Scozia esca dall'Ue contro la propria volontà"

Nicola Sturgeon

Londra (Regno Unito), 25 giu. (LaPresse/EFE) - La Scozia chiederà di avviare "i colloqui immediatamente" con le istituzioni Ue per "proteggere il posto della Scozia in Europa" dopo il voto a favore della Brexit nel Regno Unito. Così la prima ministra scozzese, Nicola Sturgeon, dopo un incontro con il suo gabinetto, sottolineando che "è sul tavolo" la legge per un eventuale secondo referendum per l'indipendenza della Scozia.

Dopo il vertice, tenutosi a Edimburgo, la prima ministra ha spiegato che avrebbe chiesto di incontrare i leader dell'Ue e di "altri Stati membri" per valutare "tutte le opzioni possibili" per la Scozia. Nei prossimi giorni Sturgeon istituirà un panel di consulenti esperti in finanza, diritto e diplomazia per analizzare le alternative. Nel referendum di giovedì gli scozzesi hanno votato in massa per rimanere nell'Ue. La prima ministra ha spiegato di voler lavorare duramente perché la Scozia resti "un luogo attraente per le imprese", sottolineando che dopo la Brexit un nuovo referendum per l'indipendenza da Londra sia "altamente probabile", anche in quanto "allo stato attuale, la Scozia si trova di fronte alla prospettiva di essere separata dall'Ue contro la propria volontà. Credo sia democraticamente inaccettabile". In Scozia il 62% dei votanti si è espresso per il 'Remain'.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Donald Trump riceve il presidente sudcoreano Moon Jae-in alla Casa Bianca

Nord Corea, Trump: "Possibile un rinvio del vertice con Kim"

L'incontro tra il presidente Usa e il leader nordcoreano è fissato per il 12 giugno a Singapore

Usa, il senato conferma Gina Haspel come direttore della CIA

Dazi, dopo la pace con gli Usa la Cina taglia tariffe su import auto

E intanto si avvicina la data in cui anche l'Unione Europea saprà la decisione di Trump

Siria, sette anni di guerra civile

Iraq, jihadista belga condannato a morte per appartenenza all'Isis

Nella prima udienza presso il tribunale di Baghdad si era dichiarato innocente

Australia, arcivescovo Wilson colpevole: coprì abusi sessuali negli anni '70

Si tratta del più alto prelato al mondo ad essere stato perseguito con successo per questo reato