Sabato 25 Giugno 2016 - 09:00

Brexit, Napolitano: Azzardo sciagurato, adesso integrazione

L'ex presidente: "Bisogna chiedersi chi vuole e chi non vuole, tra i 27, l'avanzamento dei princìpi comuni europei"

Napolitano con Mattarella

Roma, 25 giu. (LaPresse) - "Il referendum è stato un azzardo sciagurato. All'Inghilterra non era stato imposto nulla, essa era rimasta fuori per propria scelta da molte decisioni comuni. Istanze di rinnovamento delle istituzioni e delle politiche europee potevano esser fatte valere pienamente all'interno dell'Unione, senza lanciare la sfida della possibile fuoriuscita". Così il presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano, intervistato dal Corriere della Sera. "Siamo in una fase storica, non solo in Europa, in cui possono ingannare le più contraddittorie proteste e promesse. Vedranno gli inglesi sulla loro pelle quali presunti vantaggi e quali reali danni potranno ricavare da questa rottura. Ma adesso nessuno nell'Unione Europea potrà dire che non si può andare avanti più decisamente sulla linea dell'integrazione perché gli inglesi ce lo impediscono", prosegue Napolitano.

"Bisogna chiedersi chi vuole e chi non vuole, tra i 27, questo avanzamento a viso aperto dei princìpi dell'interesse comune europeo, della sovranità condivisa a livello sovranazionale, dell'impegno a portare avanti fondamentali politiche comuni. Nello stesso tempo bisogna prepararsi ad avere un'area di collaborazione con i Paesi che intendono restare nell'Unione, senza partecipare ai processi di sempre più stretta unione anche politica", aggiunge Napolitano.

Quella del Regno Unito scelta reversibile? "Al momento no, chi ha scagliato la pietra non può ritirare il braccio. Secondo il trattato dovrà aprirsi un negoziato che giuridicamente sancisca l'uscita e ormai può trattarsi solo di un negoziato per adeguare al dopo referendum il sistema di relazioni con l'Inghilterra. Non più, come avremmo voluto, all'interno dell'Unione, ma con chi ne è rimasto irreversibilmente fuori", risponde Napolitano.
"Ci sono valutazioni accurate secondo le quali l'Italia potrebbe subire conseguenze negative per la sua economia meno di altri Paesi, più intrecciati con l'economia inglese, come la Germania e la Francia. Comunque penso che i governi dei tre maggiori Paesi fondatori e le istituzioni dell'Unione, a cominciare dalla Bce, fortunatamente guidata da un grande presidente come Mario Draghi, stiano lavorando a tutte le misure immediate volte a evitare effetti a catena", dice Napolitano.

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'arrivo della delegazione M5S arriva in Quirinale per le consultazioni con il Presidente Mattarella.

Di Maio: "Momento storico, nasce la terza repubblica: il leader è il programma". E fa il nome di Conte

L'incontro con Mattarella. Esce raggiante: "E' nata la terza repubblica". Salvini: "Più lavoro, meno tasse. L'Italia al centro"

Elezioni Regionali Valle d'Aosta, giornata di spoglio

Valle d'Aosta, Union Valdotaine in testa al 19,25%, vola la Lega a 17,08%

Spoglio centralizzato. L'affluenza è stata del 65,12%, con 67 mila 146 votanti su 103 mila 117 aventi diritto

Quirinale. Consultazioni

Governo, c'è l'accordo: M5S e Lega al Colle. Europa, scontro con il capogruppo Ppe

Al Quirinale alle 17.30 Di Maio e alle 18 Salvini. Conte verso palazzo Chigi. Scontro con il capogruppo Ppe

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Chi è Giuseppe Conte, professore di diritto a Firenze

Era stato indicato per ricoprire l'incarico di ministro della 'Pubblica amministrazione, deburocratizzazione e meritocrazia'