Domenica 26 Giugno 2016 - 11:00

Brexit, Kerry domani a Bruxelles e Londra

Il segretario di Stato Usa vede Mogherini e il ministro degli Esteri britannico, Hammond

Mogherini e Kerry

Roma, 26 giu. (LaPresse/Reuters) - Il segretario di Stato americano, John Kerry, sarà domani a Bruxelles per incontrare l'alta rappresentante per la Politica estera dell'Unione europea, Federica Mogherini, e a Londra per vedere il ministro degli Esteri Philip Hammond. Lo ha fatto sapere il dipartimento di Stato americano. Il viaggio di Kerry è legato alle ricadute della Brexit decisa dal referendum di giovedì scorso. L'americano, secondo un funzionario del dipartimento, sottolineerà l'importanza del fatto che gli altri Paesi membri dell'Ue non seguano l'esempio britannico.

GENTILONI: SERVE RILANCIO EUROPA. "La sfida è trarre da questa situazione difficile (la Brexit, ndr) un'occasione di rilancio per l'Europa e il contributo degli Stati Uniti penso possa essere strategico sotto questo punto di vista". Così ai microfoni di Rainews24 il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, che oggi ha incontrato a Roma il segretario di Stato Usa John Kerry.
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'astronauta Alan L. Bean , pilota del modulo lunare , fotografato durante l 'attività extraveicolare sulla luna - Le foto fu fatta dal comandante Charles Conrad jr.

Addio a Alan Bean, quarto uomo sulla Luna

E' morto in Texas all'età di 86 anni. Partecipò alla missione Apollo 12

Coree, incontro a sorpresa Kim-Moon. Summit con Trump ancora possibile

Si sono riuniti per la seconda volta (la prima era stata il mese scorso) a Panmunjom, villaggio che si trova nella zona demilitarizzata nota come Dmz

Libia, Fayez al-Sarraj parla con i giornalisti a Tripoli

Libia, le milizie: "Abbiamo preso i palazzi del potere a Tripoli"

Gli attivisti sui social riferiscono si tratti delle brigate Halbous, dei rivoluzionari e Ghaniwa. Ma il governo smentisce

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storica svolta in Irlanda: sì al referendum sull'aborto

Il 66,4% degli elettori ha votato a favore dell'abrogazione del divieto costituzionale dell'interruzione volontaria di gravidanza. L'affluenza si è attestata al 64,1%