Martedì 04 Aprile 2017 - 10:00

Brexit, Gratteri: Sarà vantaggio per criminalità di ogni genere

"Fuori dall'Ue, Londra potrebbe non avere accesso a Europol o a Eurojust"

Nicola Gratteri

"La Brexit potrebbe sicuramente rendere inutilizzabili tutta una serie di strumenti e di principi di riconoscimento giuridico che oggi sono alla base della cooperazione che, per quanto non facile, ha consentito di conseguire un buon numero di successi." Così Nicola Gratteri, procuratore capo della Procura di Catanzaro, si esprime in merito alle conseguenze della Brexit sui traffici illeciti, durante l'intervista rilasciata agli inviati del Sole 24 Ore Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi, nell'ambito dell'inchiesta on line 'Fiume di denaro nel Regno Unito'.

E spiega: "Con la Brexit dovranno infatti essere rinegoziati e successivamente ratificati e implementati accordi bilaterali con l'Unione e gli Stati membri per non perdere, ad esempio, il mandato di arresto europeo e tornare all'epoca dei lunghi e complicati processi estradizionali. Fuori dall'Ue, Londra potrebbe non avere accesso a Europol o a Eurojust. Insomma una perdita di capacità di risposta che unita allo spazio temporale necessario per le negoziazioni di nuovi accordi bilaterali costituirà un vantaggio enorme per la criminalità di ogni genere e matrice".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti soccorsi dalla nave Diciotti della Guardia Costiera italiana sbarcano a Pozzallo

Sbarcati a Pozzallo i 450 migranti. Sì da Spagna e Portogallo. Salvini: "Successo politico"

Oltre Germania, Francia e Malta anche i due paesi iberici prenderanno una quota di persone. Il "no" di Praga. Difficile gestire così i prossimi sbarchi

SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, Open Arms al largo della Libia. Salvini: "In Italia non ci arrivano"

Un altro tira e molla tra l'Italia e una Ong, dopo la vicenda Lifeline di fine giugno

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Luigi Di Maio ospite di "In Onda"

Decreto dignità, Di Maio: "Relazione modificata da lobby". Mef smentisce

Il ministro del Lavoro contro il numero apparso nella relazione tecnica al decreto