Giovedì 11 Gennaio 2018 - 12:00

Brexit, Farage ci ripensa: "Forse dovremmo fare secondo referendum"

Ma May lo gela. Il primo sostenitore dell'uscita della Gran Bretagna dall'Ue si prepara a tornare in politica

Belgio, Nigel Farage presso la sede dell'UE a Bruxelles

"Forse, dico solo forse, dovremmo fare un secondo referendum sull'adesione all'Ue. Metterebbe fine alla questione per una generazione una volta per tutte". L'ex leader di Ukip, Nigel Farage, tra i maggiori sostenitori della Brexit, sembra fare marcia indietro. Un'ipotesi che la premier britannica, Theresa May, respinge con forza.

L'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea è prevista il 29 marzo 2019 alle 23. Una rottura voluta fortemente da Farage che è stato tra i promototri del referenudm del 23 giugno 2016 e principale sostenitore del fronte del Leave, nonostante abbia poi abbandonato la guida del suo partito, l'Ukip, 10 giorni dopo la vittoria. "Il mio obiettivo di uscire dall’Ue è raggiunto... Ho compiuto la mia missione". Lasciando ai posteri l'onere delle trattative.

La sua eredità è stata raccolta dalla premier May, che ha intrapreso i dialoghi con l'Ue. Il suo operato è stato però accolto dalle critiche dello stesso Farage: "Questa non è la Brexit, non abbiamo votato per lasciare l'Ue mentre la premier concede giurisdizione a una corte straniera per molti anni a venire", ha dichiarato il 7 dicembre 2017, preparandosi a tornare in campo per le prossime politiche del Regno Unito.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo