Sabato 18 Giugno 2016 - 14:15

Brexit, Cameron: Resto al governo qualunque sia risultato referendum

Il risultato del referendum "non sarà un verdetto" sulla sua politica

Cameron

Il premier britannico David Cameron ha annunciato che resterà al governo indipendentemente dal risultato del referendum sulla Brexit del 23 giugno. Lo ha detto lui steso in un'intervista al Times, in cui ha ammesso di sentirsi responsabile della consultazione in cui i britannici decideranno se restare nell'Unione europea o uscire, visto che è stato lui stesso a convocarla durante la campagna elettorale per le politiche del 2015.

 

Il leader conservatore considerata inoltre che sarebbe proprio lui la persona più adatta a guidare i negoziati con l'Ue in caso di vittoria del fronte della Brexit, grazie alle sue "solide relazioni" con Bruxelles. In questo senso, ritiene che "sia molto importante che le vittorie individuali dei politici non si mescolino in questa questione".

A suo giudizio, il risultato del referendum "non sarà un verdetto" su di lui come politico, ma un "verdetto sulla questione" della permanenza britannica in Ue. "Sto semplicemente facendo il mio lavoro. Ho un ruolo molto chiaro per i britannici per servire come primo ministro in un governo conservatore, convocando un referendum", ha aggiunto.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Weinstein accusato di violenza sessuale. Libero col braccialetto elettronico

Ha pagato la cauzione di un milione di dollari stabilita dal tribunale di Manhattan. Il procuratore elogia le coraggiose sopravvissute

BULGARIA-EU-SPAIN-POLITICS

Partito Rajoy condannato per corruzione, Ciudadanos chiede nuove elezioni

Caos in Spagna dopo il processo Guertel. E il Psoe presenta una mozione di sfiducia

Canada, bomba in un ristorante indiano: 15 feriti, ricercati due uomini

Paura a Mississauga, in Ontario. Tre persone sono in gravi condizioni

Weinstein si consegna alla polizia di New York: accusato di stupro

L'ex magnate dell'industria cinematografica, accusato di molestie da oltre 100 donne, affronta una possibile incriminazione per reati sessuali