Domenica 26 Giugno 2016 - 13:00

Brexit, Bri: Banche centrali pronte, ma serve sforzo di tutti

"L'idea principale è che, oggi più che mai, la politica monetaria deve essere sostenuta da politiche prudenziali, fiscali e strutturali"

Jaime Caruana

 Francoforte (Germania), 26 giu. (LaPresse/EFE) - Le principali banche centrali limiteranno le turbolenze sui mercati, per quanto possibile, dopo la vittoria della Brexit al referendum britannico. Lo ha affermato il direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali, Jaime Caruana, nel suo intervento annuale di Basilea, dove è in corso l'assemblea generale della Bri. Tuttavia, ha aggiunto Caruana, "con una buona cooperazione a livello mondiale sono fiducioso che l'incertezza potrà essere contenuta e che gli aggiustamenti procederanno nel modo migliore possibile".

Secondo Caruana "l'idea principale è che, oggi più che mai, la politica monetaria deve essere sostenuta da politiche prudenziali, fiscali e strutturali".

"Le banche centrali hanno già annunciato che stanno seguendo da vicino la situazione e sono preparate ad adottare le misure necessarie per garantire l'ordinato funzionamento dei mercati", ha sottolineato Caruana, ricordando inoltre che gli istituti centrali "in passato hanno agito rapidamente e sono ora disposti a farlo di nuovo e avere gli strumenti necessari per farlo". Il capo della Bri ha evidenziato ancora che "ora rischia di aprire un periodo di incertezza e di aggiustamenti", perché "il Regno Unito è strettamente integrato nell'economia mondiale e ha uno dei più importanti centri finanziari del mondo".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno

Euro sign seen at former ECB headquarters in Frankfurt

La PA italiana paga a oltre 100 giorni. Deferita alla Corte Ue

A tre anni dalla prima denuncia, situazione deprecabile. Il pubblico deve alle aziende circa 64 miliardi

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Istat, aumentano gli occupati. Ma sono a tempo determinato

Occupazione in crescita, ma qualitativamente discutibile. Diminuiscono gli "scoraggiati"

AUT, Jahresrückblick 2017

Volano i bitcoin. La criptomoneta elettronica vale 12mila dollari

Il loro valore continua a salire. C'è timore di una bolla che potrebbe esplodere, ma anche la possibilità che salgano ancora