Giovedì 14 Luglio 2016 - 13:30

Brexit, Bank of England lascia invariati i tassi

Probabile ricorso a nuove misure chiariti gli effetti del referendum

Brexit, Bank of England lascia invariati tassi

Bank of England mantiene a sorpresa i tassi di interesse invariati allo 0,5%, nonostante i mercati si attendessero il primo taglio in oltre sette anni dopo il voto dei cittadini del Regno Unito a favore della Brexit

La Banca centrale ha spiegato che è probabile il ricorso a degli stimoli in tre settimane, forse un "pacchetto di misure" che sarà annunciato una volta chiari gli effetti del referendum del 23 giugno sull'economia britannica. "In assenza di un ulteriore peggioramento del compromesso tra il sostegno alla crescita e il ritorno di un'inflazione verso l'obiettivo in modo sostenibile, la maggior parte dei membri del comitato si aspettano che la politica monetaria possa essere allentata in agosto", si legge nel comunicato della riunione di luglio. "La dimensione esatta e la natura di eventuali misure di stimolo saranno determinate con il rapporto previsionale di agosto", prosegue la BoE.

Il governatore della Banca centrale, Mark Carney, incontra oggi il nuovo ministro delle Finanze del Regno Unito, Philip Hammond, che subito dopo la sua nomina ha parlato di un approccio meno duro sulla gestione del deficit. Con le sue dichiarazioni delle scorse settimane Carney aveva lasciato immaginare un taglio dei tassi già oggi.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Antitrust, al via al 13mo convegno a Treviso

L'Antitrust: "No a blocco di Fb e Google, ma lotta alle pratiche scorrette"

Il presidente Pitruzzella illustra gli obiettivi dell'Autorità e le nuove battaglie da combattere

Ikea expansion plans

Ikea ritira dal mercato la bicicletta Sladda: è pericolosa

Numerosi gli incidenti causati dalla rottura della cinghia di trasmissione

trattore

Allarme Eurispes: "Lavoro sommerso genera 300 miliardi l'anno, aumentano gli squilibri"

La fotografia di un Paese povero, fragile e dominato dalle disuguaglianze economiche

Federchimica assemblea 2017

Confindustria: "Preoccupati, non è chiaro dove siano risorse per promesse elettorali"

E sull'Europa: "Serve sostegno agli investimenti. No a battaglie inutili su decimali di flessibilità"