Giovedì 17 Dicembre 2015 - 12:10

Brescia, a Pontoglio cartelli no Islam: 'Rispettare Occidente e cristiani'

IMG

Milano, 17 dic. (LaPresse) - "Paese e cultura occidentale e di profonda tradizione cristiana. Chi non intende rispettare la cultura e le tradizioni locali è invitato ad andarsene". Sono le parole, che potrebbero sollevare polemiche in chiave 'no Islam', di uno dei cartelli che la giunta comunale di Pontoglio guidata dal sindaco Alessandro Seghezzi, 7mila abitanti in provincia di Brescia, ha affisso all'entrata del paese. La nuova segnaletica è stata approvata ieri con una delibera. Il sindaco è stato eletto nella lista civica di centrodestra 'Pontoglio per le libertà'. "L'iniziativa, in linea con le precedenti - dichiara il sindaco Seghezzi in una nota diffusa sui social -, rispetta le linee programmatiche di inizio mandato. E' un invito a rispettare la cultura e le tradizioni locali. Una cultura che si fonda sul rispetto reciproco: dalla donna alla musica, dall'arte ai costumi, dalle usanze ai riti tradizionali. Il rispetto altrui, è per noi, la prima vera forma di civiltà e libertà".

 

Foto presa dal profilo Facebook del Comune di Pontoglio

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

IL PRELIEVO AL BANCOMAT

La crisi spaventa: il denaro non circola, 38 miliardi di riserve in più

I cittadini accumulano per timore di nuove tasse, le imprese non investono perché non hanno fiducia nel futuro

Belgio, insetti da mangiare

Insetti a tavola dal 1 gennaio, più di 1 italiano su 2 è contrario

La maggior parte dei nuovi prodotti proviene da Paesi come la Cina o la Thailandia da anni ai vertici delle classifiche per numero di allarmi alimentari

Maltempo ponte della Liberazione - Nebbia al Passo del Tonale

Nuvole e temperature in calo: il meteo del 21 e del 22 ottobre

Le previsioni per sabato e domenica: il freddo inizia ad arrivare

A customer walks out of a KFC restaurant in Shanghai

Kfc e la lotta alla fame: dona il pollo fritto ai poveri

Il fast food, in collaborazione col Banco Aliminetare, è il primo a non buttare le eccedenze