Giovedì 17 Dicembre 2015 - 12:10

Brescia, a Pontoglio cartelli no Islam: 'Rispettare Occidente e cristiani'

IMG

Milano, 17 dic. (LaPresse) - "Paese e cultura occidentale e di profonda tradizione cristiana. Chi non intende rispettare la cultura e le tradizioni locali è invitato ad andarsene". Sono le parole, che potrebbero sollevare polemiche in chiave 'no Islam', di uno dei cartelli che la giunta comunale di Pontoglio guidata dal sindaco Alessandro Seghezzi, 7mila abitanti in provincia di Brescia, ha affisso all'entrata del paese. La nuova segnaletica è stata approvata ieri con una delibera. Il sindaco è stato eletto nella lista civica di centrodestra 'Pontoglio per le libertà'. "L'iniziativa, in linea con le precedenti - dichiara il sindaco Seghezzi in una nota diffusa sui social -, rispetta le linee programmatiche di inizio mandato. E' un invito a rispettare la cultura e le tradizioni locali. Una cultura che si fonda sul rispetto reciproco: dalla donna alla musica, dall'arte ai costumi, dalle usanze ai riti tradizionali. Il rispetto altrui, è per noi, la prima vera forma di civiltà e libertà".

 

Foto presa dal profilo Facebook del Comune di Pontoglio

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere

Roma,Movimenti per la Casa contro lo spettacolo di Beppe Grillo al Teatro Flaiano

Coniugi uccisi a Viterbo: fermato il figlio a Ventimiglia

I corpi delle vittime erano stati trovati avvolti nel cellophane dall'altra figlia della coppia

Arrestato Igor, l'assassino spietato di Budrio: era in Spagna

Era ricercato da mesi. Fermato dopo un conflitto a fuoco in cui ha ucciso tre persone

Roma, l'albero di Natale addobbato a piazza Venezia

Natale, 4 italiani su 10 spendono la tredicesima in shopping

Dall'indagine Coldiretti/Ixè quest'anno in media la spesa complessiva per i regali sarà di 528 euro a famiglia. Sotto l'albero anche la cultura tra gite, libri e teatro