Domenica 02 Aprile 2017 - 19:00

Morto il 21enne accoltellato fuori da una discoteca a Brescia

Resta da chiarire il movente della lite tra il giovane e un altro cliente. Sotto choc la fidanzata che ha assistito alla scena

Brescia, morto il 21enne accoltellato fuori dalla discoteca sotto gli occhi della fidanzata

E' morto il ragazzo di 21 anni di origine colombiana che era stato accoltellato questa mattina intorno alle 6 all'uscita della discoteca 'Disco Volante' di Brescia. Secondo quanto si apprende, il giovane, Yaisi Bonilla, era ricoverato nel reparto di terapia intensiva della clinica Poliambulanza della città, dopo essere stato operato per la coltellata subita all'addome.

Il ragazzo aveva trascorso la serata in compagnia della fidanzata, che ha assistito all'aggressione. Il 21enne è stato subito soccorso dal 118 e trasportato in ospedale, dov'è stato operato d'urgenza. La polizia sta cercando di ricostruire la dinamica dell'aggressione. La fidanzata, che ha assistito all'aggressione, è ancora sotto choc. Resta da chiarire il movente della lite tra il 21enne e un altro cliente, che sarebbe iniziata dentro il locale per poi proseguire all'esterno. Per il momento, però, la Squadra mobile di Brescia, che indaga sulla vicenda, esclude che si sta trattato di un'aggressione "dettata dalla logica del branco". 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Quattro letti e gamberetti a pranzo: il gatto Gerry eredita 30mila euro

Il felino è stato citato nel testamento della sua anziana padrona. Ora i familiari della donna dovranno provvedere al "mantenimentodel suo benessere"

Vento fino a 200 km/h: due morti e due feriti, disagi in tutta Italia

Sono stati 1226 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi sradicati. Difficili i collegamenti con le isole minori della Toscana

Napoli, processo Silvio Berlusconi  per corruzione

Caso Consip, archiviate indagini su Woodcock e Sciarelli

Il pm era indagato per falso e, insieme alla giornalista, per rivelazione del segreto d'ufficio. Continuano le indagini su altre 12 persone

Sentenza processo Emilio Fede

Avvocatessa col velo cacciata dall'aula del Tar di Bologna

Aveva il volto scoperto. Le è stato impedito di seguire il processo. Origini marocchine, da 25 anni in Italia dove si è laureata: "Non mi era mai successo"