Giovedì 28 Aprile 2016 - 12:30

Brennero, il 5 maggio incontro tra Renzi e Juncker

Sul contenzioso sulla frontiera tra Austria e Italia incontro tra Italia e Ue

Matteo Renzi e Jean-Claude Juncker

Il presidente della Commissione Europea Jean Claude-Juncker discuterà della questione del Brennero direttamente con il presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi giovedì 5 maggio in un incontro ufficiale a palazzo Chigi. La conferma è stata data direttamente dalla Commissione Ue a Bruxelles. Ieri sono arrivati nuovi sviluppi sulla questione, soprattutto la notizia di una barriera di 370 metri lungo il confine tra Austria e Italia, al valico del Brennero, per fermare i migranti.

Avrà questo aspetto il 'muro' che Vienna potrebbe costruire lungo la frontiera con l'Italia a seconda dell'entità del flusso di migranti in arrivo. A presentarlo ieri era stato il capo della polizia tirolese, Helmut Tomac. Il fatto che la costruzione sia realizzata o venga sospesa dipende "dalla collaborazione dell'Italia", aveva  spiegato, ricordando anche si terrà un incontro tra i ministri dell'Interno dei due Paesi, Angelino Alfano e Wolfgang Sobotka.

Ma proprio ora i ministro Alfano aveva ribadito la posizione italiana: l'idea di costruire un muro lungo la frontiera del Brennero è "al di fuori di ogni regola europea, così come lo sono le decisioni unilaterali" ha detto il ministro intervistato da Maurizio Belpietro a Mattino Cinque. "Lo dirò al ministro dell'Interno austriaco che incontrerò oggi", ha aggiunto il titolare del Viminale.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Rimini, congresso fondativo di "Sinistra Italiana"

Leu, Civati: "Foglioline? Noi siamo femministi nella sostanza"

Al nuovo partito potrebbe unirsi anche Laura Boldrini

Assemblea nazionale "C'è una nuova proposta"

Grasso: "Comandato da D'Alema? Sarò io a guidare Liberi e Uguali"

Il presidente del Senato risponde a Matteo Renzi che lo ha paragonato a Fini

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno