Mercoledì 31 Agosto 2016 - 19:30

Brasile, Senato vota sì: Rousseff destituita da presidente

Temer, che guida ad interim il Paese, completa il mandato fino alla fine del 2018

Brasile, il Senato vota sì: Rousseff destituita da presidente

Il Senato del Brasile si è espresso: sì alla destituzione dalla presidenza di Dilma Rousseff. Hanno votato contro la presidente 61 senatori, 20 a suo favore, e lei ha subito annunciato che presenterà appello alla Corte suprema contro la decisione di rimuoverla dall'incarico. Gli oppositori di Rousseff hanno ribadito la loro convinzione che abbia commesso "un reato di responsabilità", motivo per cui è stata sospesa: si tratta di alcune manovre con cui, secondo i detrattori, sarebbe stato manomesso il bilancio del 2015. Rousseff , sospesa dalle sue funzioni da quando è stato istituito il processo di impeachment lo scorso 12 maggio, sarebbe responsabile dell'emissione di tre decreti che hanno alterato i bilanci senza l'ok del Congresso e di ritardi nei depositi delle casse pubbliche che, per l'accusa, servivano a nascondere prestiti al governo, vietati per legge.

Il suo ex vice, il leader del PMDB Michel Temer, che guida ad interim il Paese dalla rimozione temporanea di Rousseff a maggio, ha giurato per completare il mandato sino alla fine del 2018. I senatori devono ancora votare sulla possibilità che Rousseff sia per otto anni bandita dagli uffici pubblici. Secondo la Costituzione brasiliana, un presidente rimosso dovrebbe perdere i diritti politici per otto anni e non poter ricoprire alcun incarico governativo, né ruoli di insegnamento in università pubbliche. Il PT ha chiesto e ottenuto che si tenessero due voti distinti, ottenendo l'assenso del presidente del Supremo tribunale federale, Ricardo Lewandowski.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piange al matrimonio del papà. La matrigna: "Sei un dono"

Emily ha deciso di scrivere i voti matrimoniali anche al figlio del suo promesso sposo. Il bambino non trattiene la commozione

Recupero di migranti sulle coste libiche

Vertice a Tunisi sui migranti. Minniti: cooperare tra Europa e Africa

Riunito il gruppo di contatto sulla rotta del Mediterraneo. Il ministro degli interni invita la Libia a maggiori controlli

Charlie Gard court case

Charlie, stop a richiesta di portarlo negli Usa. I genitori: È troppo tardi

Il medico statunitense Michio Hirano ha detto di non poter più sottoporre il bambino alla terapia sperimentale

Svizzera, attacco a colpi di motosega a Schaffhausen: 5 feriti

Svizzera, attacco con motosega a Schaffausen: non è terrorismo

L'assalto in un fast food. Cinque persone ferite, due sono in gravi condizioni. Isolato il centro città