Venerdì 11 Marzo 2016 - 08:15

Brasile, procura chiede l'arresto dell'ex presidente Lula

La misura cautelare si riferisce alla vicenda dell'appartamento di Guaruja di cui l'ex presidente avrebbe occultato la proprietà

L'ex presidente brasiliano Lula

La procura di San Paolo ha chiesto l'arresto dell'ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva accusato di riciclaggio di denaro. La misura cautelare si riferisce alla vicenda dell'appartamento di Guaruja', sul litorale di San Paolo, di cui - secondo l'accusa - l'ex presidente avrebbe occultato la proprietà. L'immobile risulta intestato all'impresa di costruzioni Oas, coinvolta a suo volta nell'inchiesta 'auto-lavaggio' sulle tangenti della società petrolifera statale Petrobras. Lula ha sempre respinto ogni accusa.

Sotto accusa anche la moglie di Lula, Marisa Leticia. Per la Procura di San Paolo, l'arresto si rende necessario per evitare le possibilità di fuga. La richiesta della Procura sarà esaminata da un giudice penale della regione. 

La richiesta di mandato "non ha fondamento giuridico". Ad affermarlo è stata la presidente brasiliana, Dilma Rousseff, che ha sottolineato che "il governo respinge questa azione contro il presidente Lula".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

NIGERIA-UNREST-ISLAM-SHIITE-PROTEST

Nigeria, attacco armato in chiesa: morti due sacerdoti e 16 fedeli

Il commando in azione dopo la messa nella parrocchia di St Ignatius, nel villaggio di Mbalom

Macron alla Casa Bianca

Trump riceve Macron: dall'accordo sull'Iran all'elogio di Kim Jong-un

Conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca. Il presidente francese: "Insieme combatteremo il terrorismo"

Spagna, Palma vieta affitto di appartamenti a turisti dopo proteste residenti

Il divieto dopo vari studi che hanno rivelato che solo 645 degli 11mila avvenivano con le adeguate licenze

Parigi, meeting annuale Vivendi 2018

Francia, Bolloré in stato di fermo per corruzione: avrebbe pagato tangenti in Africa

Il miliardario, primo azionista di Vivendi, sarebbe implicato in una vicenda legata a concessioni portuali in Togo e Guinea. Marina Berlusconi: "Lui come Attila. Arrogante e senza strategia"