Sabato 14 Ottobre 2017 - 08:15

Brasile, la Corte suprema sospende l'estradizione di Battisti

Il ministro della giustizia Tardim sulla sospetta fuga: "Rotto il rapporto di fiducia". L'ex membro dei Pac a Temer: "Non segua pressioni"

Cesare Battisti

La Corte suprema del Brasile ha emesso venerdì una misura cautelare che impedisce temporaneamente l'estradizione dell'ex terrorista italiano Cesare Battisti. Uno stop alla line dura del governo di Brasilia: ieriil ministro della Giustizia brasiliano, Torquato Jardim, in un'intervista a Bbc Brasil, aveva detto che l'ex membro dei Proletari armati per il comunismo aveva "violato la fiducia" del Brasile con il suo tentativo "sospetto" di attraversare il confine con la Bolivia. Michel Temer si è detto, infatti, pronto a rivedere la decisione del 2010 dell'ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva di rifiutare l'estradizione. Jardim ha parlato anche di un "miglioramento delle relazioni diplomatiche con l'Italia" e ha sostenuto che la decisione sull'estradizione un "atto sovrano", che può essere preso in qualsiasi momento. Il ministro raccomanda comunque che il presidente Michel Temer attenda la decisione del giudice della Corte suprema di giustizia, Luiz Fux, sull'habeas corpus precauzionale presentato dalla difesa di Battisti. È la prima volta che il ministro parla apertamente dei negoziati per l'estradizione dell'ex Pac, condannato in contumacia in Italia a quattro ergastoli per altrettanti omicidi.

L'ex Pac ha rivolto quindi un appello al presidente brasiliano Temer: "Vorrei che prendesse profondamente coscienza della situazione. E valutasse se debba continuare a seguire queste pressioni o se debba fare un grande atto di giustizia e umanità", ha detto. "Anche perché, per farlo, ha tutto dalla sua parte, ha la legge dalla sua parte. Temer ha tutti gli strumenti giuridici e politici per compiere un atto di umanità e lasciarmi qui" in Brasile.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Golpe in Zimbabwe: il presidente Mugabe nelle mani dell'esercito

Zimbabwe, Cnn: Mugabe accetta di dimettersi, immunità per lui e moglie

Il presidente ha deciso di lasciare e ha già scritto la lettera

Germania, fallite le trattative per la coalizione: si rischia il ritorno alle urne

Il leader della Fdp: "E' meglio non governare che farlo nel modo sbagliato". Merkel oggi dal presidente Steinmeier

Immagini storiche retrospettive

Infanzia difficile e omicidi spietati: chi era Charles Manson, mostro del massacro di Bel Air

Alla fine degli anni '60 guidava una setta, chiamata la 'Famiglia': in cui si fusero anche le credenze in Scientology e in Satana, e l'odio per i neri

Manson

Morto Charles Manson, autore di una serie di omicidi 'satanici' negli anni '60

Fu uno dei criminali più feroci del ventesimo secolo. Tra le vittime del 'guru' della setta 'Family' anche Sharon Tate moglie del regista Roman Polanski