Giovedì 12 Maggio 2016 - 12:30

Brasile, in 90 anni solo 5 presidenti hanno concluso mandato

Rousseff è tra questi ma è anche una dei tre presidenti contro cui è stato promosso l'impeachment

Brasile, in 90 anni solo 5 presidenti hanno concluso mandato

La presidente brasiliana Dilma Rousseff affronta il processo di impeachment, dopo che il Senato ha dato la sua approvazione. Ma per il Paese non è una sorpresa: negli ultimi 90 anni di storia del Brasile solo cinque capi di Stato eletti hanno completato il loro mandato. Eletta nel 2010 al primo mandato e confermata nel 2014, Rousseff è quindi tra quei cinque che dal 1926 sono riusciti a gestire il Paese sino alla scadenza prevista. Oltre a lei (2010-2014), l'hanno fatto Henrique Cardoso (1995-2002), Luiz Inacio Lula da Silva (2003-2010), Eurico Dutra (1946-1951) e Juscelino Kubitschek (1956-1961).

Gli altri venti presidenti eletti sono stati deposti con colpi di stato (come Joao Goulart nel 1964), hanno rinunciato (Fernando Collor nel 1992 e Janio Quadros nel 1961), si sono suicidati (Getulio Vargas nel 1954), sono morti di malattia prima di insediarsi (Tancredo Neves nel 1985). La lista non include i cinque militari saliti alla presidenza durante la dittatura tra il 1964 e il 1985.

Dopo che il Brasile ha recuperato la democrazia nel 1985 e che la Costituzione del 1988 ha stabilito la base per istituzioni più forti, solo due di sette presidenti (Cardoso e Lula) hanno completato i loro mandati. Neves morì di malattia fu sostituito dal suo vice, José Sarney (1985-1990). Collor (1990-1992) rinunciò a seguito di pressioni legate a uno scandalo corruzione, che lo spinse verso un impeachment, e fu sostituito dal suo vice Itamar Franco (1992-1994).

In 126 anni di Repubblica, instaurata dopo il golpe del 1889 che depose e mandò in esilio l'imperatore Pedro II, il Brasile ha avuto 36 presidenti, di cui 12 eletti democraticamente e arrivati a completamento del mandato. Nello stesso periodo, quattro incaricati sono stati deposti, nove governi hanno assunto caratteristiche autoritarie e diverse ribellioni militari hanno minacciato il potere civile.

Rousseff è il terzo capo di Stato, dopo Getulio Vargas (1930-1954) e Collor, contro cui viene promosso un impeachment, strumento esistente nella Costituzione brasiliana dal 1891. Vargas riuscì a frenare il processo di destituzione alla Camera nel 1954 grazie al sostegno popolare e parlamentare. Il processo per Collor invece arrivò al Senato, lui rinunciò pochi giorni prima di essere destituito. Subirono invece soltanto 'tentativi' di impeachment Floriano Peixoto (1891-1894), Campos Salles (1898-1902), Hermes da Fonseca (1910-1914)e più di recente Cardoso e Lula.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'aeroporto di Amsterdam circondato dai media e dalla curiosita' della gente dopo l'incidente aereo di ieri

Amsterdam uomo con coltello all'aeroporto. Colpito dalla polizia

La persona agitava l'arma contro le persone. Gli hanno sparato. Zona interdetta

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, 2 palestinesi morti e oltre 100 feriti nelle proteste

La prima "giornata della rabbia". Le vittime sono due uomini. Hamas invita ad assediare le ambasciate Usa nel mondo

Migranti, affondato un barcone al largo delle coste libiche

Migranti, Gentiloni attacca: "Inaccettabile indisponibilità di alcuni Paesi"

Il premier al vertice Ue di Bruxelles: "Le regole non sono optional". Unicef: "400 bambini annegati nel Mediterraneo nel 2017"