Mercoledì 16 Marzo 2016 - 19:30

Brasile, governo conferma: Lula sarà ministro Casa civile

Ex presidente Cardoso: Nomina Lula scandalosa, Paese reagisca

Lula, la moglie Marisa e la presidente Dilma Rousseff

Il governo brasiliano ha confermato che Luiz Inacio Lula da Silva, nelle ultime settimane al centro di accuse di corruzione, sarà ministro della Casa civile. In una nota ufficiale, la presidente Dilma Rousseff ha dichiarato che il suo predecessore assumerà l'incarico sinora coperto da Jaques Wagner, che diventerà capo di Gabinetto. Il deputato Mauro Ribeiro, del centrista Partito del movimento democratico brasiliano (Pmdb), sarà il nuovo ministro dell'Aviazione civile, ha annunciato ancora Rousseff. Il Pmdb, considerato il maggior partito brasiliano, occupa sinora sette dei 31 ministeri del governo Rousseff e rappresenta la seconda minoranza alla Camera e la prima al Senato. A livello regionale, governa sette dei 27 Stati del Paese, mentre a quello municipale ne controlla 1.041 su 5.570. Nella convention, molti dirigenti dissidenti del partito si sono detti favorevoli a una eventuale destituzione di Rousseff.

L'ex presidente brasiliano Fernando Henrique Cardoso ritiene "scandalosa" la nomina di Lula perché "potrebbe essere ritenuto colpevole" in un eventuale processo. Cardoso, del Partito della social democrazia brasiliana (Psdb) all'opposizione, invita i brasiliani a "reagire energicamente" contro la nomina dell'ex presidente, che ha anche criticato personalmente: "Non si può dirigere il Paese essendo analfabeta". Lula è l'unico brasiliano ad aver ricoperto l'incarico di presidente senza essere laureato, mentre la sua istruzione si è fermata a un diploma di scuola tecnica superiore. Il governo ha confermato la nomina dell'ex sindacalista, che evita così di affrontare le accuse di corruzione e potrà essere giudicato solo dalla Corte suprema.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont sospende l'indipendenza e apre ai negoziati Madrid

Catalogna, carcere ai leader indipendentisti Sanchez e Cuixart

Puigdemont: Sono detenuti politici. Il governatore glissa su indipendenza, ma Rajoy non ci sta

Malta, giornalista uccisa in esplosione auto. Premier: Voglio giustizia

Stava guidando verso Mosta quando l'auto è esplosa, la donna è morta sul colpo

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

I peshmerga: "Il governo pagherà un prezzo alto per aver fatto la guerra al nostro popolo"

Madrid, udienza per il comandante dei Mossos d'Esquadra catalani

Catalogna, procura chiede il carcere per il capo dei Mossos d'Esquadra

Josep Lluis Trapero è indagato per sedizione assieme all'intendente Teresa Laplana