Giovedì 16 Marzo 2017 - 09:45

Bottaro: Mio il dominio del blog di Grillo, ma non sono prestanome

"Io mi rendo conto che è difficile capire, ma ho un rapporto personale con Beppe, punto e basta"

Bottaro: Mio il dominio del blog di Grillo, ma non sono prestanome

"Io mi rendo conto che è difficile capire, ma ho un rapporto personale con Beppe, punto e basta. Qualcuno può pensare che io gli faccia da prestanome, che abbia dei vantaggi o che ci guadagni, ma non c'è niente di tutto questo. Io dal blog non ho mai preso un euro". Lo spiega, in un'intervista al Corriere della Sera, Emanuele Bottaro, titolare del dominio del blog di Beppe Grillo dal 2001. "In quel periodo Beppe non pensava alla politica - continua Bottaro - e il dominio era libero: io gli ho detto 'prendilo', ma a lui non interessava, così l'ho fatto io. L'ho registrato solo per toglierlo dal mercato, il blog è venuto dopo. L'ho intestato a me prima ancora che arrivasse Casaleggio".

"A volte - racconta Bottaro - se n'è anche parlato, di intestare il blog a qualcun altro, poi Beppe mi ha detto: se non ti dà fastidio io mi fido di te, così tutto è rimasto com'era. E se sono ancora qua c'è un motivo. Beppe è un amico da vent'anni: è una persona splendida, una delle più corrette, disinteressate e generose che conosca. Il nostro rapporto è talmente fiduciario che tra noi non c'è nulla di scritto". "Sono stato citato in giudizio due volte, su decine di querele arrivate a Grillo. Ma i suoi avvocati hanno sempre spiegato che io non c'entro coi contenuti ed è finita lì. Io proprio non ho nessun tipo di rapporto con l'attività del blog", spiega Bottaro, che per la querela del Pd non ha ricevuto nessuna notifica.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito

Cdp, chi è Palermo: manager interno che ha lavorato a Fincantieri

Lavora già a Cdp da quasi 4 anni, dove è Chief Financial Officer

Camera dei Deputati - Voto di fiducia al governo Conte

Cdp, c'è l'accordo sulle nomine: l'ad sarà Fabrizio Palermo. Fumata bianca dopo il vertice a Palazzo Chigi

Sbloccato l'impasse. Di Maio: "L'intesa è un'ottima notizia". Tria incassa la nomina desiderata al Tesoro: Rivera nuovo dg