Martedì 21 Giugno 2016 - 15:45

Comunali, Bossi attacca Salvini: E' tutta colpa sua

Parole dure del Senatur dopo i risultati deludenti della Lega ai ballottaggi

Bossi attacca Salvini: Per le Comunali tutta la colpa è sua, la sua linea non mi piace

"Chi comanda ha tutta la colpa". Umberto Bossi va all'attacco del segretario della Lega Nord Matteo Salvini e ai microfoni di La7 così risponde alla domanda su quanta colpa abbia Salvini del risultato delle comunali. "A me non piace la linea di Salvini. Non ho mai letto un programma per queste elezioni, va solo a raccattare un po' di voti per poi scappare. Cercare solo di prendere qualche sedia in più non porta da nessuna parte", accusa il Senatur.  "In questo momento - è la linea di Bossi - abbiamo bisogno di un po' di regole. La Lega rischia di diventare un partito che non ha più il contatto con la gente e di perdere come è avvenuto in queste elezioni". 

Salvini stesso, dopo il risultato dei ballottaggi, ha dovuto ammettere la sconfitta. Varese è stata "una sconfitta che brucia", ha sottolineato il segretario leghista dopo che il feudo del Carroccio dopo 23 anni è passato a guida di un sindaco di centronistra.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Nuovo vertice Lega-M5S, Salvini: "Chiuso lavoro sul premier, pronti a partire"

Scontro con la Francia sull'Ue. Il leader della Lega replica al ministro Le Maire: "Inaccettabile invasione di campo"

US-POLITICS-ECONOMY-IMF-WORLDBANK-SPRING-MEETINGS

La Francia avverte l'Italia: "Se non rispetta impegni a rischio stabilità dell'eurozona"

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire lancia l'allarme e ricorda: "In Europa ci sono regole da rispettare"

Elezioni Regionali Valle d'Aosta 2018

Regionali in Valle d'Aosta, alle 12 affluenza al 20,93%

In 103mila alle urne per scegliere i consiglieri, che dovranno poi indicare il presidente

Governo, partita del premier al rush finale. Identikit del leader porta a Spadafora

Restano in gioco anche Conte, Roventini, Fraccaro e Bonafede. E Di Maio? Il pentastellato non è ancora uscito di scena, ma si dice pronto al passo indietro