Martedì 05 Aprile 2016 - 09:45

Borse europee in ribasso. In calo ordini industria tedesca

Chiude male la borsa di Tokyo, male i bancari a Piazza Affari

Borse europee in ribasso. In calo ordini industria tedesca

Male l'apertura della Borsa di Milano e dei principali listini europei, trascinati dal calo degli ordini delle fabbriche tedesche e dalla brutta chiusura della borsa di Tokyo: l'indice Nikkei 225 perde il 2,42% a 15.732,82 punti.

Avvio in netto calo per Piazza Affari, con il Mib a 17.400,55 punti a -1,35% e l'All-Share a 19.086,43 punti a -1,26%. Le principali Borse europee hanno aperto in territorio negativo, dopo i cali di Wall Street ieri sera e dei listini asiatici questa mattina. In avvio a Francoforte il Dax scivola dell'1,81% a 9644 punti e a Parigi il Cac40 cede l'1,48% a 4280 punti e a Londra l'indice Ftse100 segna un -0,96% a 6105 punti. . Nuovo avvio di seduta difficile in Borsa per Banco Popolare, che dopo la conferma dell'aumento da un miliardo, quota a 5,25 euro a -1,69%, male anche la promessa sposa Bpm a 0,573 euro a -1,04%. La capitalizzazione complessiva è di circa 4,4 miliardi.

Pesa il brusco rallentamento degli ordini in fabbrica delle industrie tedesche a febbraio: sono calati dell'1,2% mensile rispetto al +0,5% di gennaio, dato rivisto da -0,1%. Su basse annua, informa Destatis, il si registra una crescita dello 0,5% da +0,4%, dato rivisto da +1,1%.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'Economia del Corriere compie un anno: evento L’Italia genera futuro alla Borsa di Milano

Borsa, Piazza Affari in rosso. S'impenna lo spread: quota 193

La frenata sulla formazione del governo M5S-Lega scuote i mercati

Contratto Lega-M5S fa tremare la Borsa: Milano chiude in forte calo, sale lo spread

Le tensioni politiche agitano i mercati: il Ftse Mib cede il 2,32%

L'Economia del Corriere compie un anno: evento L’Italia genera futuro alla Borsa di Milano

Piazza Affari da record, il Ftse Mib sopra quota 24.000

La Borsa a livelli che non si vedevano dal 2015. Bene Ferragamo, Moncler e Pirelli. Male Saipem e Telecom