Giovedì 07 Gennaio 2016 - 09:45

Borsa, Shenzhen e Shanghai sospese dopo nuova svalutazione yuan

Sulle piazza cinesi, gli scambi sono stati sospesi con l'attivazione - per la seconda volta questa settimana - del meccanismo di 'circuit breaking'

 Shenzhen e Shanghai sospese dopo nuova svalutazione

La Cina ha accelerato il deprezzamento dello yuan, facendo nascere negli investitori la paura che si potesse innescare una catena di svalutazioni competitive da parte dei suoi partner commerciali: il risultato è stato un crollo delle borse e delle valute di tutta la regione. Sulle piazza cinesi, gli scambi sono stati sospesi a meno di mezz'ora dall'apertura delle contrattazioni, con l'attivazione - per la seconda volta questa settimana - del meccanismo di 'circuit breaking', entrato in funzione a Shanghai dopo un ribasso del 7%. A sorprendere i mercati è stata la decisione della People's Bank of China di ritoccare al ribasso di uno 0,5% il rapporto tra yuan e dollaro, segnando la più grossa svalutazione giornaliera dallo scorso agosto, quando uno yuan più leggero del 2% scosse a sua volta i mercati.

La stessa banca centrale ha ripetuto che non ci sono le basi per una svalutazione continua della valuta, ma l'arretramento dello yuan anche rispetto allo yen (3,5%) e all'euro (0,8%) ha sollevato comunque il timore che la Cina potesse puntare a una svalutazione competitiva per aiutare i suoi esportatori in difficoltà.

 

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Compravendita online dell'usato: la guida dell'Unione Nazionale Consumatori per acquisti sicuri

Dai vantaggi ai rischi, tutto quello che c'è da sapere sulla 'second hand economy'. Ecco come difendersi dalle truffe

Istat: carrello della spesa più caro del 4,2%

Le famiglie italiane spendono oltre 2500 euro al mese per la spesa

Ma cresce il gap: quella dei ricchi costa spendono 5 volte tanto quella dei poveri

CHINA-US-POLITICS-TRADE

Trump pronto a imporre nuovi dazi alla Cina. Pechino: "Ricatto"

Il piano del presidente Usa vale altri 200 miliardi di dollari sulle importazioni cinesi

FILES-GERMANY-ECONOMY-AUTOMOBILE-AGM-AUDI

Dieselgate, arrestato il ceo di Audi: "Rischio di occultamento delle prove"

Rupert Stadler, fermato in Germania, è finito nello scandalo delle emissioni truccate di motori diesel