Martedì 10 Maggio 2016 - 19:00

Borsa, Piazza affari chiude in rialzo. Toniche Fca ed Enel

Giornata positiva nonostante il costante nervosismo sul comparto bancario

Chiusura positiva per Piazza Affari

Piazza Affari ha chiuso in rialzo in una giornata ricca di spunti societari e nonostante il costante nervosismo sul comparto bancario, come dimostrano le vendite sostenute su Banco Popolare e Mps. Il listino milanese ha sfruttato la buona vena di Wall Street in scia al rialzo del petrolio e il giudizio positivo dell'Eurogruppo sulle riforme che dovrà intraprendere la Grecia. Senza contare gli spiragli sull'alleggerimento del debito di Atene. I ministri delle Finanze cercheranno di trovare la quadra il prossimo 24 maggio, quando al centro delle discussioni ci sarà ancora una volta la Grecia. Questa mattina, alla Borsa di Tokyo, l'indice Nikkei ha chiuso con un progresso di oltre 2 punti percentuali dopo che il ministro delle Finanze, Taro Aso, ha dichiarato che il governo è pronto ad intervenire qualora lo yen continuasse a rafforzarsi. In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha chiuso con un progresso dell'1,41% a 17.934 punti.

Contrastate le banche con le vendite che hanno colpito ancora Mps, che ha perso il 3,17% a 0,58 euro, e Banco Popolare, che ha perso il 3,12% a 4,84 euro in attesa dei conti e dell'aumento di capitale da 1 miliardo di euro. Acquisti sostenuti invece su Intesa SanPaolo (+2,41% a 2,294 euro) e Ubi Banca (+2,64% a 3,264 euro), mentre Unicredit (-1,47% a 2,948 euro) ha vissuto un pomeriggio molto volatile dopo i conti del primo trimestre che hanno mostrato utili in calo del 21% a 406 milioni di euro, oltre le attese degli analisti che indicavano 297 milioni. Ben comprate Enel (+2,42% a 3,984 euro) e Fca (+3,02% a 6,815 euro). Il colosso elettrico ha chiuso il primo trimestre profitti per 795 milioni, oltre le attese che erano ferme a 750-790 milioni, mentre il debito netto è sceso a 36,64 miliardi dai 37,54 miliardi di fine 2015. Fca ha sfruttato le parole di Sergio Marchionne che ha dichiarato che Jeep sta andando molto bene in Cina e ha parlato di numeri incoraggianti riguardo alle vendite di auto in Europa nel mese di aprile.

Positiva A2a (+1,40% a 1,231 euro) dopo le dichiarazioni di Stefano Parisi, candidato sindaco al Comune di Milano per il centrodestra nelle elezioni del 5 giugno, che si è detto pronto a cedere l'intera quota del 25% di A2a se i prezzi sul mercato saranno adeguati. Brillante Prysmian (+3,14% a 21,05 euro) che ha chiuso il primo trimestre del 2016 con ricavi per 1,81 miliardi di euro, in crescita del 2,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L'Ebitda adjusted si è attestato a 150 milioni di euro, in deciso aumento (+25,4%) rispetto ai 120 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. Tonica Telecom Italia (+2,06% a 0,867 euro) che ha messo sul piatto 820 milioni di euro in contanti per Metroweb, superando al momento l'offerta di Enel che si aggira intorno a 775 milioni di euro.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ryanair strike

Ryanair minaccia i piloti per lo sciopero. Calenda: "Indegno"

La compagnia low cost irlandese paventa sanzioni per chi incrocerà le braccia il 15 dicembre

Reddito di inclusione: come richiederlo a Roma

Parle la misura nazionale di contrasto alla povertà promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Copies of bitcoins standing on PC motherboard are seen in this illustration picture

Bitcoins volano oltre 18 mila dollari dopo debutto futures Cboe

La moneta virtuale accresce il suo valore, segnando un nuovo record storico

The logo of Banca Etruria is seen in downtown Rome

Etruria, commissione banche: sì all'audizione di Ghizzoni

Giovedì si deciderà su Zonin, Consoli e D'Aguì, imputati in procedimenti connessi