Mercoledì 27 Aprile 2016 - 19:30

Piazza Affari chiude in moderato rialzo, deboli le banche

E' in attesa del responso della Federal Reserve, che questa sera terminerà il meeting iniziato ieri

Borsa, Piazza Affari chiude in moderato rialzo, deboli le banche

Piazza Affari ha chiuso in moderato rialzo in attesa del responso della Federal Reserve, che questa sera terminerà il meeting iniziato ieri. Secondo la maggior parte degli operatori la Fed non prenderà alcuna decisione rimandando ai prossimi mesi eventuali interventi di politica monetaria. Il mercato, già nelle ultime giornate, aveva scommesso per un cambio dei toni che potrebbero diventare sempre più accomodanti. Nell'attesa Wall Street viaggia in lieve ribasso con le perdite che colpiscono maggiormente il Nasdaq in scia al tonfo di Apple dopo la trimestrale. Sui mercati sono tornati i timori sul futuro della Grecia dopo che è stato rinviato l'Ecofin che doveva discutere sugli aiuti verso Atene. Un rinvio frutto delle differenze tra la Grecia e i suoi creditori sul piano di salvataggio. In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha guadagnato lo 0,43% a 18.750 punti.

Le vendite hanno colpito i titoli del comparto bancario: Popolare dell'Emilia Romagna ha ceduto l'1,54% a 5,12 euro, Popolare di Milano lo 0,53% a 0,66 euro, Banco Popolare l'1,37% a 6,14 euro, Ubi Banca lo 0,05% a 3,76 euro, Unicredit il 2,12% a 3,418 euro. In controtendenza Intesa Sanpaolo (+0,08% a 2,47 euro), dopo che il ceo Carlo Messina ha confermato la politica dei dividendi. Male Telecom Italia (-2,60% a 0,843 euro) che ha deciso di spostare il cda per l'approvazione dei conti del primo trimestre 2016 al 13 maggio rispetto al 5 maggio fissato in precedenza.

Stm (+9,62% a 5,70 euro) è volata dopo i conti del primo trimestre e la guidance per il secondo trimestre. Quest'ultima è risultata migliore delle attese con il management che si aspetta un aumento delle vendite del 5,5% e un margine lordo del 34%. Nei primi tre mesi del 2016 il gruppo dei chip ha registrato una perdita netta di 41 milioni di dollari, in peggioramento rispetto al rosso di 22 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. Fca (+1,71% a 7,155 euro) è rimbalzata dopo la debole performance di ieri in scia ai conti che hanno mostrato margini e utili in decisa crescita: l'Ebit adjusted ha mostrato un balzo del 97% a 1,38 miliardi di euro trainato dal miglioramento dei margini in Nord America e nell'area Emea, il margine Ebit adjusted è quasi raddoppiato al 5,2% dal precedente 2,7%. A deludere è stato l'indebitamento che a fine marzo è salito a 6,59 miliardi.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Antitrust, sessione del 13mo convegno a Treviso

Viaggi in treno, taxi e auto con un click. L'Antitrust monitorerà

Con le app integrate si potrà acquistare l'intero pacchetto di viaggio. E l'Agcm vigilerà su acquisizione e trattamento dei dati

Antitrust, al via al 13mo convegno a Treviso

L'Antitrust: "No a blocco di Fb e Google, ma lotta alle pratiche scorrette"

Il presidente Pitruzzella illustra gli obiettivi dell'Autorità e le nuove battaglie da combattere

Ikea expansion plans

Ikea ritira dal mercato la bicicletta Sladda: è pericolosa

Numerosi gli incidenti causati dalla rottura della cinghia di trasmissione

trattore

Allarme Eurispes: "Lavoro sommerso genera 300 miliardi l'anno, aumentano gli squilibri"

La fotografia di un Paese povero, fragile e dominato dalle disuguaglianze economiche