Mercoledì 25 Maggio 2016 - 19:15

Borsa, Piazza Affari chiude a +1,66% spinta da Grecia e banche

L'indice Ftse Mib che riconquistato la soglia dei 18.000 punti, i massimi da inizio maggio

Borsa, Piazza Affari chiude a +1,66% spinta da Grecia e banche

Piazza Affari ha chiuso ancora in deciso rialzo con l'indice Ftse Mib che riconquistato la soglia dei 18.000 punti, i massimi da inizio maggio. Ancora grandi acquisti sui titoli del comparto bancario, con la coppia Banco-Bpm in maglia rosa sul paniere principale. A sostenere i listini azionari la notizia che l'Eurogruppo ha trovato l'accordo sul versamento degli aiuti alla Grecia e su alcune misure aggiuntive per l'alleggerimento del debito di Atene, condizione sine qua non per la partecipazione del Fondo monetario internazionale al piano di sostegno. I ministri delle Finanze della zona euro hanno deciso di sbloccare i nuovi aiuti per un ammontare complessivo di 10,3 miliardi di euro. Una prima tranche da 7,5 miliardi verrà versata entro giugno. L'Eurogruppo si è anche accordato su un pacchetto di misure destinate ad alleggerire il debito di Atene, pari a 180% del Pil nazionale. Il Fm ha però fatto sapere che per il bailout è necessario avere un piano chiaro e dettagliato sul debito. In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha guadagnato l'1,66% a 18.201 punti.

Banche in grande spolvero e sotto i riflettori. Acquisti da capogiro su Banco Popolare (+8,73% a 4,76 euro) e Bpm (+8,27% a 0,55 euro) all'indomani del via libera al progetto di fusione da parte del Cda dell'istituto veronese e del Consiglio di gestione della banca di piazza Meda. Come già annunciato l'Ad del nuovo gruppo bancario sarà Giuseppe Castagna, mentre il ruolo di presidente spetterà a Carlo Fratta Pasini. Il via libera della Bce dovrebbe arrivare a fine agosto e le due assemblee straordinarie dei due istituti sono previsti nel mese di ottobre. In forte rialzo anche Popolare dell'Emilia Romagna (+5% a 4,832 euro) e Ubi Banca (+7,22% a 3,712 euro). Bene anche Unicredit (+2,42% a 3,13 euro) all'indomani del Cda che ha sancito la fine dell'era di Federico Ghizzoni. L'obiettivo è quello di trovare il nuovo amministratore delegato entro il 9 giugno, data del prossimo Cda.

Bene il comparto petrolifero con Eni che ha guadagnato il 3,45% a 13,81 euro e Saipem il 4,34% a 0,38 euro. Brillante Exor (+5,32% a 34,08 euro) nel giorno dell'assemblea dove si è impegnata a ridurre il debito a circa 3 miliardi di euro nel 2017 rispetto ai 3,7 miliardi attuali. Ad inizio maggio la Nav della holding della famiglia Agnelli si attesta a 12,89 miliardi. Telecom Italia (+2,72% a 0,832 euro) è rimbalzata dopo i ribassi delle ultime sedute anche se gli azionisti di Metroweb dovrebbero scegliere l'offerta di Enel e non quella del gruppo tlc. Oggi l'Ad Flavio Cattaneo ha fatto sapere che i valori attuali non esprimono il reale valore di Tim Brasil, sottolineando di non voler aumentare il profilo di rischio nel Paese sudamericano.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, firma del protocollo d'intesa per la crescita delle imprese italiane in Borsa

Borse, Piazza Affari supera quota 23mila. Al top dal 2015

Record e ottime prestazioni in tutte le piazze europee. La chiusura a 22.991