Lunedì 16 Maggio 2016 - 09:45

Borsa, Piazza Affari apre in ribasso. Oggi Francoforte chiusa

Borsa Italiana comunica che le azioni ordinarie Rcs Mediagroup sono temporaneamente sospese dalle negoziazioni

Borsa, Piazza Affari apre in ribasso. Oggi Francoforte chiusa

Avvio in calo per Piazza Affari, con il Mib che scende a quota 17.636,73 punti a -0,52% e l'All-Share a 19.342,58 punti a -0,38%. Borsa Italiana  ha inoltre comunicato che le azioni ordinarie Rcs Mediagroup sono state temporaneamente sospese dalle negoziazioni in attesa di comunicato.  La Cairo Communication apre in leggero rialzo a 4,46 euro a +0,13%, dopo che il titolo Rcs è stato sospeso.
Le principali Borse europee aprono questa prima seduta della settimana in territorio negativo. Gli investitori si muovono incerti a causa delle indicazioni macro discordanti arrivate dagli Stati Uniti, con le vendite al dettaglio salite oltre le attese, e dalla Cina, la cui produzione industriale e le vendite al dettaglio hanno invece deluso il mercato. Gli scambi in Europa potrebbero essere ridotti, a causa della chiusura per festività della Borsa di Francoforte (in Germania oggi si celebra il Lunedì di Pentecoste). A Milano attenzione al comparto bancario con la presentazione del piano industriale del progetto di fusione Banco-Bpm.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Antitrust, sessione del 13mo convegno a Treviso

Viaggi in treno, taxi e auto con un click. L'Antitrust monitorerà

Con le app integrate si potrà acquistare l'intero pacchetto di viaggio. E l'Agcm vigilerà su acquisizione e trattamento dei dati

Antitrust, al via al 13mo convegno a Treviso

L'Antitrust: "No a blocco di Fb e Google, ma lotta alle pratiche scorrette"

Il presidente Pitruzzella illustra gli obiettivi dell'Autorità e le nuove battaglie da combattere

Ikea expansion plans

Ikea ritira dal mercato la bicicletta Sladda: è pericolosa

Numerosi gli incidenti causati dalla rottura della cinghia di trasmissione

trattore

Allarme Eurispes: "Lavoro sommerso genera 300 miliardi l'anno, aumentano gli squilibri"

La fotografia di un Paese povero, fragile e dominato dalle disuguaglianze economiche