Lunedì 11 Gennaio 2016 - 19:45

Borsa, Milano in rosso: giù Generali, Mps ai minimi storici

Complice il debole andamento di Wall Street, continua a preoccupare la Cina

Borsa, Milano in rosso: giù Generali, Mps ai minimi storici

Piazza Affari ha chiuso in moderato ribasso una seduta volatile, azzerando i guadagni nel finale complice il debole andamento di Wall Street. In mattinata lindice Ftse Mib, nonostante il nuovo crollo della Borsa di Shanghai (indice Composite -5,33%), aveva toccato un massimo intraday a 20.110 punti. La Cina continua comunque a spaventare i mercati, così come successo lo scorso agosto, con gli investitori che guardano con timore alla prospettiva di un anno difficile per i mercati azionari a livello globale. Linizio danno difficile per i listini azionari, dettato dal forte calo delle azioni cinesi e le nuove svalutazioni dello yuan, stato accompagnato anche oggi da un forte calo del prezzo del petrolio che anche oggi ha proseguito la sua parabola ribassista.

In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha chiuso con un ribasso dello 0,57% a 19.756,14 punti. Tra le banche ha fatto rumore il tonfo di Mps (-11,27%) che per la prima volta scivolata sotto 1 euro. Il titolo della banca senese ha toccato il minimo storico a 0,9255 euro. Gli acquisti hanno invece premiato Popolare di Milano (+1,66% a 0,8275 euro), Ubi Banca (+1,10% a 5,5100 euro) e Unicredit (+0,13% a 4,68 euro). Dopo aver sofferto nelle scorse sedute in scia ai timori legati alla Cina, oggi nel lusso gli acquisti sono stati copiosi su Moncler (+1,70% a 12,56 euro) e Salvatore Ferragamo (+3,20% a 20,63 euro). Andamento negativo per Fca e Ferrari. Il titolo della casa di Maranello, che venerd aveva indossato la maglia nera sul Ftse Mib con un tonfo di circa 6 punti percentuali, ha ceduto il 3,01% a 39,32 euro. Ferrari aveva iniziato luned 4 gennaio la sua avventura a Piazza Affari a quota 43 euro. Seduta moderatamente negativa invece per Fca (-0,41% a 7,3250 euro) con Sergio Marchionne che, dal Salone di Detroit, ha fatto sapere che nel 2015 il gruppo ha conseguito un risultato nella forbice alta della guidance. Il nuovo scivolone del petrolio e la smentita arrivata nel pomeriggio dall'a.d. di Eni, Claudio Descalzi hanno contribuito ad un giornata moderatamente negativa per Eni (-0,39% a 12,65 euro). Positiva invece Saipem (+0,59% a 6,8050 euro). Questa mattina i rumors parlavano di un possibile coinvolgimento di Saipem nel progetto del gasdotto Nord Stream 2. Descalzi ha dichiarato che non mai stata e mai verrà considerata la partecipazione nel raddoppio di North Stream. Questa mattina La Stampa ha scritto che una società italiana dovrebbe entrare nel capitale della pipeline, mentre il colosso Rosneft rileverebbe la restante partecipazione di Eni in Saipem. In seconda battuta, a Saipem verrebbe affidata la posa dei tubi per il raddoppio del gasdotto. Sotto pressione Generali (-2,84% a 15,41 euro) in scia alle nuove indiscrezioni di stampa sul possibile addio dell'a.d. Mario Greco. I rumors si erano gi fatti sentire a dicembre e oggi sono stati rilanciati dalla stampa elvetica. A detta della stampa svizzera, Mario Greco sarebbe in pole per sostituire Martin Senn alla guida di Zurich.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, incontro tra Governo e sindacati sulle pensioni e sul lavoro

Pensioni, accordo governo-sindacati. Poletti: 6 miliardi in 3 anni

Siglato il verbale dopo un incontro tra i sindacati e il ministero del Lavoro

Borsa, Milano chiude in rosso: giù le banche, in rialzo Mps

Borsa, Milano chiude in rosso: giù le banche, in rialzo Mps

Bancari sotto pressione: Popolare di Milano ha ceduto il 2,75%, Intesa SanPaolo l'1,15%

Una vecchia foto di Ciampi e Draghi

Draghi cita Ciampi: L'euro forza trainante dell'integrazione

L'intervento di fronte alla commissione Affari economici e monetari del Parlamento europeo

Mario Draghi, presidente Bce

Draghi: La ripresa è moderata, Ue vada incontro a cittadini

E il presidente della Bce cita il compianto Ciampi: "L'euro è forza trainante dell'integrazione"