Martedì 23 Febbraio 2016 - 18:30

Borsa, Milano in calo con petrolio, in ribasso banche

Piazza Affari ha aumentato le perdite nel finale in scia all'andamento negativo di Wall Street

Borsa, Milano in calo con petrolio, in ribasso banche

Piazza Affari ha chiuso in ribasso dopo la brillante performance di ieri. Il listino milanese ha aumentato le perdite nel finale in scia all'andamento negativo di Wall Street al nuovo scivolone del petrolio, con il Wti che al Nymex sta lasciando sul parterre oltre il 4,5%. Questa mattina deboli anche le Borse asiatiche con lo yen che ha ripreso a rafforzarsi complice il ritorno dell'avversione al rischio, favorita dalla decisione della People's Bank of China di svalutare dello 0,17% lo yuan, il ribasso più ampio delle ultime sei settimane. Sul fronte macro l'indice Ifo tedesco di febbraio si è attestato a 105,7 punti, sotto le attese che indicavano 106,8 punti. Negli Stati Uniti la fiducia dei consumatori, calcolata dal Conference Board, è scivolata a 92,2 punti, sui minimi degli ultimi sette mesi.

In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha chiuso con un ribasso dell'1,95% a 17.163,46 punti. Banco Popolare (-4,22% a 7,71 euro) e Bpm (-2,95% a 0,6415 euro) ancora sotto i riflettori con Giuseppe Castagna e Pier Francesco Saviotti che dovrebbero essere ricevuti in Banca d'Italia per fare il punto sugli ultimi dettagli dell'operazione di fusione tra Banco Popolare e Bpm. È quanto ha scritto oggi Il Messaggero, secondo cui la scadenza auspicata per il varo della super Popolare è domenica 28 febbraio. Secondo il quotidiano romano, nello Statuto della nuova realtà sarà presente un tetto del 5% all'esercizio del diritto di voto. I titoli delle due popolari, dopo una mattinata in controtendenza, hanno virato nel pomeriggio in territorio negativo.

Nel settore bancario le vendite hanno colpito anche Intesa SanPaolo e Unicredit con ribassi oltre il 2,5 per cento per entrambe. Positiva Finmeccanica (+0,53% a 9,495 euro) dopo aver annunciato ieri di aver presentato, in partnership con Raytheon, la sua soluzione basata sul velivolo T-100 nell'ambito della gara per il sistema di addestramento avanzato dei piloti della Forza Aerea degli Stati Uniti. La soluzione offerta, ha spiegato una nota del colosso pubblico, integra il velivolo T-100 "una variante avanzata dell'Aermacchi M-346, con un sistema di addestramento a terra all'avanguardia". L'aggiudicazione della commessa, indetta dal Dipartimento della Difesa Usa, è prevista nel 2017 e l'entrata in servizio del primo velivolo è previsto nel 2024. Finmeccanica dovrà vedersela Lockheed Martin e Northrop Grumman. La volatilità delle quotazioni del petrolio, che oggi viaggiano in pesante ribasso, si è fatta nuovamente sentire sul settore oil: Eni ha perso il 2,19% a 12,08 euro, mentre Tenaris è arretrata del 3,64% a 9,41 euro.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ultimo elettrizzante appuntamento con la Porsche Carrera Cup Italia 2017

All’Autodromo di Monza due emozionanti giornate di gare in diretta su Eurosport 2 e DMAX

Mp & Silva, Seamus O'Brien nominato Presidente e CEO del gruppo

La media company leader nella distribuzione di diritti sportivi a livello globale annuncia nuove nomine

Il Governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco al Meeting di CL Comunione e Liberazione

Bankitalia, per Visco più vicina la riconferma

Difficile che Mattarella e Gentiloni vogliano darla vinta a Renzi nominando un nuovo inquilino di via Nazionale

Crisi Alitalia - Aerei Alitalia atterrano e decollano dall'aeroporto di Fiumicino

Alitalia chiede nuova cassa integrazione per 1.800 dipendenti

Coinvolti 100 comandanti, 90 piloti, 380 assistenti di volo e 1.230 personale di terra