Lunedì 19 Settembre 2016 - 10:45

Bombe a New York e in New Jersey, si teme cellula terroristica attiva

Prende corpo l'ipotesi che dietro gli attentati esplosivi si nasconda la mano del terrorismo

Bombe a New York e in New Jersey, investigatori temono cellula terroristica attiva

Una cellula terroristica attiva, composta da più membri, potrebbe essere responsabile degli attacchi esplosivi a New York e in New Jersey. E' il timore che diversi investigatori hanno rivelato alla Nbc. Dopo l'esplosione nella zona di Chelsea, a Manhattan, che ha ferito 29 persone sabato notte, un pacco sospetto è stato trovato da due netturbini nella stazione di Elizabeth, in New Jersey, ed è esploso mentre gli artificieri stavano cercando di disinnescarlo. Gli investigatori hanno inoltre fermato 5 persone a bordo di un veicolo sospetto vicino al ponte di Verrazzano a New York, dove il traffico è poi stato bloccato. I 5 sono stati messi sotto interrogatorio da parte dell'Fbi. Sul fronte investigativo, un altro sviluppo viene dalle immagini delle telecamere di sorveglianza, che rivelerebbero la presenza di uno stesso uomo sui luoghi dove gli ordigni sono stati ritrovati. Gli episodi appaiono sempre di più connessi e gli ordigni utilizzati sembrano dello stesso tipo, il che porteberebbe a ipotizzare che ci sia un'unica matrice dietro agli attacchi. 

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Princess of Asturias Awards 2017 in Oviedo

Catalogna, re Felipe: "È e sarà parte Spagna, secessione inaccettabile"

Un nuovo messaggio del monarca alla vigilia dell'applicazione dell'articolo 155 da parte del governo Rajoy

Afghanistan, ancora un attacco suicida nei pressi di una moschea sciita

Afghanistan, attacchi kamikaze in due moschee: 50 morti

Le diverse esplosioni sono avvenute mentre i fedeli si raccoglievano per la preghiera

Obama in supporto del candidato democratico Northon in Virginia

Usa, il ritorno di Obama in politica. E Bush gli fa eco (contro Trump)

Un passo molto atteso dai sostenitori dell'ex presidente

Corea del Nord, Kim Jong Un presenzia al lancio di un missile Hwasong-12

Nord Corea insiste sul nucleare: "È questione di vita o di morte"

Il direttore generale del dipartimento Nord America del ministero degli Esteri: "Risponderemo al fuoco con il fuoco"