Sabato 05 Agosto 2017 - 08:15

Bomba d'acqua su Cortina: donna morta in auto travolta da detriti

Interrotta la dolomitica a Rio Gere, al Lago Scin e in località Alvera

Travolta dalla frana provocata da un nubifragio improvviso, che si è abbattuto sulle montagne mentre tornava a casa dopo aver partecipato a una sagra di paese. È morta così a Cortina D'Ampezzo Carla Catturani, 60 anni, anestesista in pensione. Il ponte che stava attraversando, ostruito dai detriti, è stato spazzato dalla piena.

La morte della donna, conosciuta nella zona per il suo lavoro in ospedale, è stata confermata dal vicesindaco di Cortina, Luigi Alverà, ai microfoni di Rainews 24: "Non risultano altre persone coinvolte", ha spiegato. La bomba d'acqua ha travolto la zona del Cristallo in piena notte, cogliendo tutti di sorpresa. Il soccorso alpino di Cortina è stato allertato attorno all'1.40 per intervenire a supporto dei Vigili del fuoco.

La situazione più critica è apparsa subito nella zona attorno alla località di Alverà e lungo il greto del torrente Bigontina, tra Rio Gere e Lago Scin. I soccorritori hanno trovato la strada interrotta dai detriti. Fango ma anche macigni che hanno ostruito la strada dolomitica in tre punti. I vigili del fuoco sono partiti dalle prime case dell'abitato di Alverà, una decina delle quali invase dalla colata, e hanno raggiunto una prima vettura vuota, trascinata dai sassi. Un'unità cinofila ha iniziato quindi la difficile risalita del greto colmo di massi e detriti. Il cane ha infine ritrovato il corpo semi-sommerso della donna.

Gli operatori del 118 hanno potuto solo constatare il decesso. La salma è stata liberata e l'auto estratta dal torrente con l'aiuto di una ruspa. Per diverse ore la circolazione nel comune di Cortina è stata resa difficile dai detriti, ma nessuna area è rimasta isolata. I vigili del fuoco hanno evacuato per precauzione il personale di un ristorante, il 'Lago Scin'.

"Ho firmato lo Stato di crisi" per l'area della frana "e stiamo anche valutando un piano per l'evacuazione" ha detto il governatore della Regione Veneto Luca Zaia, al termine di un sopralluogo sul posto. "Oltre alla morte di una donna, una tragedia vera, c'è un grande disastro, ci sono un sacco di case in pericolo", ha spiegato Zaia annunciando che chiederà anche lo stato di crisi nazionale perché la presenza di "migliaia, se non centinaia di migliaia di metri cubi di detriti formatisi. Sono stati devastati una pista e ponti". 

Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Carabinieri sul luogo di un omicidio in Via Marx 495 a Sesto San Giovanni

Uscire da soli alla sera: un quarto degli italiani ha paura

I dati del'Istat sulle insicurezze dei cittadini. Meno della metà (44%) dichiara di sentirsi tranquilli per strada al buio

Panico tra la folla che assisteva alla finale di Champions Legaue tra Juve e Real Madrid in Piazza San Carlo

Torino, fatti di piazza San Carlo: chiesto rinvio a giudizio per Appendino

La decisione della procura coinvolge anche altri 14 indagati

Presentazione di Eurosky Tower, primo grattacielo della capitale

Stadio Roma, si lavora sul telefono di Lanzalone. Scarcerato braccio destro di Parnasi

Non si ferma il lavoro degli inquirenti. Caporilli aveva ammesso la dazione di alcune somme di denaro ad almeno un funzionario responsabile dei pareri al progetto