Domenica 02 Aprile 2017 - 09:00

Bologna, barista reagisce a una rapina e viene ucciso a Budrio

Sindaco: "Efferatezza inaudita, assicurare alla giustizia il responsabile"

Bologna, barista reagisce a una rapina e viene ucciso a Budrio

Ha cercato di impedire al rapinatore di portare via l'incasso della serata del bar del padre, a Riccardina di Budrio, nel Bolognese. Il malvivente, però, ha estratto la pistola e ha sparato per poi fuggire a piedi.  Il barista è morto e nella zona è immediatamente scattata la caccia all'uomo da parte di tutte le forze dell'ordine. Il sindaco di Budrio, Giulio Pierini, su Facebook ha definito il fatto "di un'efferatezza e gravità inaudite per Budrio e per qualsiasi altro territorio" e ha espresso solidarietà alla famiglia della vittima. "Vogliamo vivere senza paura e liberi da ogni tipo di violenza - ha aggiunto - e mi batterò perché questo venga garantito alle nostre attività commerciali, economiche e a tutti i cittadini. Budrio vuole essere una comunità sicura per tutti quelli che la abitano: il mio impegno in questa direzione è massimo". Il primo cittadino ha anche annunciato che una manifestazione con amministratori e sindaci della Città metropolitana di Bologna, che era prevista per oggi, è stata annullata.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, auto in un canale: un morto e tre dispersi

Milano, auto in un canale: un morto e tre dispersi

E' successo a a Truccazzano, vittima un cinquantenne dell'Ecuador. Non si trova anche un bimbo

Trasmissione tv "Night tabloid"

Con pistola portano via 20mila euro dal Twiga di Briatore e Santanché

Il bandito si sarebbe introdotto nel club dalla spiaggia e sarebbe scappato in macchina con un complice

Roma, maltempo con pioggia e nuvole

Meteo, nuvole e temperature in calo: le previsioni per il 20 e il 21 agosto

Tempo instabile soprattutto sul medio-basso Adriatico

Turisti e sicurezza in città'

Isis minaccia su Telegram: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

Lo riferisce l'organizzazione Usa Site. Il Viminale comunica di aver espulso due marocchini e un siriano per motivi di pericolosità sociale