Venerdì 10 Febbraio 2017 - 19:00

Bologna, ancora scontri tra polizia e studenti universitari

I giovani contestano le nuove regole per l’ingresso nella biblioteca di Lettere, ieri sgomberata

Manifestazione collettivo CUA a Bologna

Ancora scontri a Bologna tra polizia e studenti universitari. La manifestazione del collettivo Cua (Collettivo universitario autonomo), per protestare contro i tornelli che regolano l'accesso alla biblioteca Universitaria, è sfociata in scontri. A guidare il corteo del Cua e di altre sigle antagoniste uno striscione con la scritta '36 libero. Coccia e Ubertini fuori da Bologna": il riferimento è al 36 di via Zamboni, sede della biblioteca di Lettere (prima occupata poi sgomberata con la forza), poi al Rettore e al Questore di Bologna. Il corteo di studenti ha superato Piazza Verdi con l'intenzione, dichiarata al megafono, di entrare all'interno del 38 di via Zamboni, una delle sedi della Facoltà di Lettere, la polizia ha caricato per evitare l'occupazione.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Continuano le indagini sullo scandalo alimentare delle uova contaminate con l'insetticida Fipronil

Uova contaminate, altri due casi scoperti dai Nas

Si aggiungono a quelli già comunicati dal Ministero della Salute

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

L'intera famiglia è stata salvata dalle macerie. "Un vero e proprio miracolo", commenta la direttrice sanitaria dell'Asl Napoli 2

Ischia, è polemica su case abusive: "Non si può morire per sisma 4.0"

Ischia, è polemica su case abusive: "Non si può morire per sisma 4.0"

"In molti casi è stato accertato che viene utilizzato cemento impoverito", accusa l'ex procuratore aggiunto di Napoli Aldo De Chiara

Scossa di terremoto ad Ischia: danni e crolli

Ischia 'colpita' 12 volte: nel 1980 sisma più forte ma senza danni

Il terremoto del 28 luglio 1883 causò più di 2000 vittime perché capitò nel pieno della stagione turistica