Giovedì 26 Gennaio 2017 - 19:15

Bollette non pagate, lo stadio Maracanà rimane senza elettricità

In totale il debito ammonta a circa 3 milioni di reais (939.937 dollari), di cu 1.3 dovuti dagli attuali proprietari

Bollette non pagate, lo stadio Maracanà rimane senza elettricità

Il leggendario stadio Maracanà in Brasile, che ha ospitato la finale dei Mondiali 2014 e le cerimonie di apertura e di chiusura delle Olimpiadi del 2016, è sprofondato nel buio da giovedì dopo che è stata tagliata l'elettricità causa delle bollette non pagate. Lo ha annunciato in una nota la società gestrice, spiegando che le bollette "non vengono pagate dal mese di ottobre". In totale il debito ammonta a circa 3 milioni di reais ($939.937) con 1.3 dovuti dagli attuali proprietari, un consorzio guidato dall'impresa edile Odebrecht. Un altro 1,7 milioni è dovuto dagli organizzatori di Rio 2016. Il Comitato Olimpico, che aveva il controllo dello stadio fino a ottobre, starebbe negoziando la sua parte di debito. Il Maracanà è letteralmente abbandonato, nelle scorse settimane c'era stata più di una richiesta di intervento per impedire atti di vandalismo all'interno dello stadio.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Presentazione della lista Potere al Popolo!

Potere al Popolo, Carofalo: "Con noi vera alternativa, anche a M5S"

Parla la leader della formazione nata a Napoli all'ex-Opg Occupato-Je so' pazzo

Milano, convegno 'Il futuro si chiama Stati Uniti d'Europa'

Elezioni, Renzi: "Centrodestra guidato da populisti, voto allontana da Europa"

E Gentiloni annuncia la candidatura al collegio uninominale Roma 1. +Europa in coalizione con i dem

M5S, Grillo e Di Maio smentiscono fratture: "Appello a gruppi per Governo su temi"

I due big fanno chiarezza sul tema alleanze dopo la confusione causata dalle dichiarazioni apparentemente discordanti

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto