Martedì 24 Maggio 2016 - 06:45

Blitz contro la camorra in sei province: 57 arresti

Operazione dei carabinieri di Mondragone per estorsioni aggravate da metodo mafioso

Blitz contro la camorra in sei province: 57 persone arrestate

Blitz dei carabinieri contro la camorra in sei province (Caserta, Napoli, Latina, Varese, Pavia e Roma) contro il clan "Gagliardi-Fragnoli-Pagliuca". I militari della compagnia di Mondragone, coordinati dai magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, stanno dando esecuzione a 57  provvedimenti  cautelari, emessi dal Gip di Napoli per reati di associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, tentato omicidio in concorso, detenzione e porto illegale di armi da fuoco e ricettazione, tutti aggravati dal metodo mafioso. L’indagine ha permesso di far luce su condotte estorsive ai danni di imprenditori locali e di ditte edili impegnate nella realizzazione di lavori pubblici. Sono stati ricostruiti anche due tentati omicidi ed è emerso il ruolo svolto dalle donne all’interno del clan: le  mogli degli affiliati ricevevano periodiche somme di denaro necessarie al mantenimento dei rispettivi familiari detenuti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bari, conferenza dopo operazione antiterrorismo

Camorra, arrestate le donne del clan: sorella e cognate del boss Zagaria

Da quando gli uomini sono in carcere, sono loro a guidare il crimine organizzato

Il Presidente della Repubblica in visita a Caserta

Reggia Caserta: crolla intonaco del '700 nella 'stanza delle dame'

L'i9ncidente avvenuto nella notte: nessun ferito. Percorso modificato per i visitatori

Napoli, duro colpo al clan Lo Russo: 43 persone arrestate

Blitz contro il traffico di droga. Sequestrato anche l'arsenale del gruppo criminale

Scampia, gli ultimi giorni delle Vele tra degrado, amianto e speranza

Una storia tormentata: un progetto di architettura sociale fallito per tanti motivi. La malavita, lo sgombero e, ora, le occupazioni abusive. Il rischio ambientale e il progetto per abbatterle. Una (su sette) resterà in piedi per ospitare l'Università