Mercoledì 30 Marzo 2016 - 14:30

Birra vaginale, provocazione o cattivo gusto?

La bevanda sarebbe prodotta con batteri vaginali, a prestarsi la modella ceca Alexandra Brendlova

Birra vaginale, provocazione o cattivo gusto?

Immaginate la donna dei vostri sogni, il suo fascino, la sua sensualità. Poi liberate la fantasia e immaginate che con una bacchetta magica si possa rinchiudere tutta questa passione in una bottiglia di birra. Realtà, provocazione di dubbio gusto o potere di suggestione di abili esperti del marketing? I creatori, l'Ordine di Yoni, sito riservato ai maggiorenni, assicurano di aver reso tutto questo possibile creando la prima 'birra vaginale'. Utilizzando sistemi di microbiologia hi-tech, avrebbero isolato ed estratto batteri lattici di un organo sessuale femminile, i Lactobacillus. La birra si chiama 'Bottled Instict' e l'obiettivo che gli ideatori dicono di proporsi è di raccogliere 150mila euro per realizzare una produzione di 6 lotti da 16.600 birre l’uno. Testimonial dell'impresa la modella ceca Alexandra Brendlova, che si sarebbe prestata a fare da donatrice dei batteri.

“Ci sono iniziative simili che altri birrifici hanno fatto, più per provocazione che per produrre birra di qualità, anche se poi è stata commercializzata, trainata dalla curiosità”, spiegano da Fermento Birra, network specializzato sulla birra di qualità, “ad esempio il birrificio americano Rogue ha prodotto la 'Beard beer', fatta con i lieviti della barba del birraio e commercializzata anche in Italia. I lieviti crescono sul corpo di ognuno, teoricamente farci la birra è possibile. Un altro esempio è la birra 'Big Ass Money Stout' prodotta dal birrificio norvegese Lervig e dal birrificio americano Evil twin, che usa in fermentazione banconote e una pizza surgelata”. “Negli ultimi tempi – spiegano ancora da Fermento Birra -, complice il recente boom della birra artigianale, ci sono state provocazioni che rischiano anche di superare il limite. Io personalmente non mi sognerei mai di comprare una birra vaginale, non è un prodotto che colpisce tanto gli appassionati che conoscono i processi di produzione, quanto magari il pubblico, anche se c'è il rischio non da poco che possa essere valutata come una trovata di cattivo gusto”.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bruxelles, intervista a Mariya Gabriel

Digitale, Commissione Ue punta su AI: "Ma è l'uomo alla guida"

Aumentati gli investimenti per il biennio 2018-2020 fino a 1,5 miliardi nel quadro del programma Horizon 2020

25999778

WhatsApp alza a 16 anni l'età minima per l'utilizzo nell'Ue

L'app si è adeguata a un nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali

Manifestazione Vivite dove il vino parla la  lingua di tutti

Il vino italiano vince la sfida con quello francese: è record storico

Di fatto vince l'ottimo rapporto prezzo/qualità della produzione italiana

Carbonara day, il mondo celebra (e mortifica) la nostra ricetta

Il primo piatto romano sempre più bistrattato all'estero. Ma sono tante le specialità 'ardite' spacciate per italiane