Sabato 02 Settembre 2017 - 11:45

Birmania, bruciate 2600 case Rohingya: quasi 60mila in fuga

I profughi della minoranza musulmana sono diretti in Bangladesh

Birmania, bruciate 2600 case Rohingya: quasi 60mila in fuga

Più di 2.600 case sono state bruciate nell'ultima settimana nelle aree a maggioranza Rohingya nel nord-ovest della Birmania. Lo ha reso noto il governo. Circa 58.600 esponenti della minoranza musulmana Rohingya sono fuggiti in Bangladesh, secondo le stime dell'Unhcr.

Le autorità birmane accusano il gruppo islamico Arakan Rohingya Salvation Army di aver dato fuoco alle case. Il gruppo ha rivendicato attacchi coordinati a posti di sicurezza la scorsa settimana che hanno causato scontri e una vasta controffensiva dell'esercito. I Rohingya in fuga in Bangladesh sostengono invece che una campagna di incendi e uccisioni da parte dell'esercito birmano mira a cercare di cacciarli.

La situazione dei Rohingya è la sfida più grande per la leader Aung San Suu Kyi, accusata dai critici occidentali di non prendere una posizione su una minoranza che da tempo denuncia di essere perseguitata.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Golpe in Zimbabwe: il presidente Mugabe nelle mani dell'esercito

Zimbabwe, Cnn: Mugabe accetta di dimettersi, immunità per lui e moglie

Il presidente ha deciso di lasciare e ha già scritto la lettera

Germania, fallite le trattative per la coalizione: si rischia il ritorno alle urne

Il leader della Fdp: "E' meglio non governare che farlo nel modo sbagliato". Merkel oggi dal presidente Steinmeier

Immagini storiche retrospettive

Infanzia difficile e omicidi spietati: chi era Charles Manson, mostro del massacro di Bel Air

Alla fine degli anni '60 guidava una setta, chiamata la 'Famiglia': in cui si fusero anche le credenze in Scientology e in Satana, e l'odio per i neri

Manson

Morto Charles Manson, autore di una serie di omicidi 'satanici' negli anni '60

Fu uno dei criminali più feroci del ventesimo secolo. Tra le vittime del 'guru' della setta 'Family' anche Sharon Tate moglie del regista Roman Polanski