Lunedì 27 Giugno 2016 - 17:00

Bimbo di 4 anni salva la mamma colpita da attacco cardiaco

E' successo a Varese: la donna ancora ricoverata all'ospedale

Bimbo di 4 anni salva la mamma colpita da attacco cardiaco

A soli 4 anni ha salvato la mamma da un attacco cardiaco. Alessandro, residente a Varese con la famiglia, è il piccolo grande eroe del 118, intervenuto in tempo prima che la situazione potesse degenerare diventando irreparabile. Una decina di giorni fa si trovava in auto con la madre. All'improvviso la donna ha accusato un grave malore al cuore. Il bambino, invece di spaventarsi, è sceso dalla vettura e ha fermato un passante a cui ha chiesto aiuto per chiamare i soccorsi.

La donna è ancora ricoverata all'ospedale a Varese e, come spiega in una nota l'Areu, Azienda regionale emergenza urgenza, sarà dimessa a breve: il peggio è passato e potrà presto tornare a casa. Al piccolo Alessandro il 118 ha deciso di consegnare un attestato di benemerenza e uno zainetto rosso del Soccorso sanitario. "Distintosi per aver attivato il soccorso sanitario ed aver reso possibile le cure più adeguate nel minor tempo possibile alla propria mamma", si legge nella targa a firma dell'Areu.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bimbo abbandonato a Brescia, trovata la mamma: ha altri 5 figli

La donna ha nascosto la gravidanza e ha poi abbandonato il piccolo in un vicolo

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via il convegno a Treviso con Laitenberger e Pitruzzella

Il 24 e il 25 maggio torna la tredicesima edizione del convegno

Roma, la sindaca Raggi in ospedale per un malore

Livorno, crolla solaio in una scuola: ferito professore

L'uomo è salito su un pannello divisorio di cartongesso per aprire una finestra

"Mangia in piedi come un animale", bimbi insultati e maltrattati: arrestate due maestre a Parma

In manette due insegnanti di Colorno accusate di violenze su alunni della materna. Codacons: "Installare telecamere nelle scuole". Un altro caso a Udine