Giovedì 03 Marzo 2016 - 15:15

Baby sitter Mosca: Ho vendicato musulmani uccisi in Siria

La donna aveva ucciso e decapitato la bimba di 4 anni di cui si stava prendendo cura

Bambina decapitata a Mosca, la donna-killer confessa il delitto

Voleva vendicare i musulmani morti durante la campagna di raid in Siria. Così la baby sitter di Mosca, che ha mostrato la testa di una bambina fuori dalla metropolitana della capitale russa, ha giustificato il suo gesto. In un video pubblicato online e diffuso da alcuni blogger, la donna Gulchekhra Bobokulova di 38 anni, originaria dell'Uzbekistan (Paese a maggioranza musulmana) fornisce la prima versione sull'omicidio della bambina di quattro anni di cui si stava prendendo cura. "Volevo vendicare di coloro che stanno versando sangue - ha dichiarato - Putin è causa del sangue versato in Siria con i bombardamenti aerei. Perché tutti questi musulmani uccisi? Loro vogliono vivere".

La donna ha ammesso anche di voler partire per la Siria ma di non avere i soldi necessari. Non è chiaro quando sia stato girato il filmato ma nelle immagini Bobokulova indossa gli stessi vestiti di ieri quando è apparsa in tribunale. Il Cremlino ha fatto sapere che le dichiarazioni della donna devono essere considerate come quelle di una persona mentalmente instabile. "È necessario considerare tutto ciò che ha detto come dichiarazioni di una donna squilibrata", ha fatto sapere Dmitry Peskov, il portavoce del Cremlino.

 

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Angela Merkel

Germania, Merkel da ragazza voleva aprire un ristorante

Fra le passioni di Merkel, ci sono la musica classica e la cucina

Ucciso scrittore giordano, cristiano: era accusato di vilipendio dell'Islam

Giordania, scrittore cristiano ucciso: era accusato di vilipendio Islam

Nahed Hattar era accusato per una vignetta condivisa sui social media ritenuta offensiva

Charlotte, centinaia in marcia per le vie della citta'

Charlotte, polizia pubblica video: ancora dubbi e proteste

Due video in cui si sentono gli spari e si vede Keith Scott cadere a terra non mostrano armi nelle sue mani. Polizia diffonde foto di pistola ritrovata