Mercoledì 14 Settembre 2016 - 10:45

Biles: Credo nello sport pulito, ho sempre seguito le regole

"Il fair play è fondamentale nello sport ed è molto importante per me" dice l'olimpionica Usa

Biles: Credo in sport pulito, ho sempre seguito le regole

"Credo nello sport pulito, ho sempre seguito le regole e continuerò a fare così". Simone Biles, stella della ginnastica capace di conquistare quattro medaglie d'oro nelle ultime Olimpiadi di Rio de Janeiro, reagisce così alla notizia diffusa dagli hacker russi di una presunta positività dopo l'attacco ai server della Wada, l'agenzia mondiale antidoping. "Il fair play è fondamentale nello sport ed è molto importante per me", ha aggiunto in un messaggio su Twitter l'atleta statunitense, che ha motivato l'assunzione di sostanze illecite giustificate da certificati medici a causa della sindrome da deficit di attenzione/iperattività di cui soffre "fin da quando ero una ragazzina - ha concluso Biles - Prendere medicine non è un qualcosa di cui vergognarsi o che abbia paura a rivelare alla gente".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Giro d'Italia, Jungels vince 15/a tappa: Dumoulin resta in rosa

Giro d'Italia, Jungels vince 15/a tappa: Dumoulin resta in rosa

Quinto Domenico Pozzovivo, il migliore degli italiani, settimo Vincenzo Nibali

Giro d'Italia 2017 - 100a edizione -  Tappa 14 - da Castellana a Oropa -  131 km

Giro, Dumoulin conquista la vetta di Oropa e resta in rosa

L'olandese vince sulla salita dove Pantani diventò leggenda. Nibali a 43'

Giro d'Italia, Gaviria vince la tredicesima tappa, Dumoulin resta leader

Giro d'Italia, Gaviria vince ancora, Dumoulin resta leader

Per il colombiano della Quick-Step Floors arriva il quarto successo in questa edizione della corsa rosa

Giro d'Italia, Gaviria vince ancora: Dumoulin sempre leader della corsa

Giro, Gaviria vince ancora: Dumoulin sempre leader della corsa

Il colombiano della Quick-Step Floors si è imposto in volata al traguardo precedendo l'italiano Jakub Mareczko