Giovedì 19 Maggio 2016 - 12:00

Biagio Antonacci assolto da accusa evasione fiscale per 3,5 milioni

Il fatto non è più previsto dalla legge come reato

Biagio Antonacci assolto da accusa evasione fiscale per 3,5 milioni

E' stato assolto "perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato" il cantante Biagio Antonacci, accusato di una maxi frode fiscale da 3,5 milioni di euro, messa a segno tra il 2004 e il 2008. Lo ha deciso il giudice monocratico della terza sezione penale di Milano, Luigi Varenelli, che ha anche dichiarato prescritto il reato di infedele dichiarazione dei redditi relativamente agli anni compresi tra il 2004 e il 2007. In relazione all'anno fiscale 2007, il giudice ha sottolineato come "il fatto non è più previsto dalla legge come reato" perché, in base a quanto previsto dalla normativa, le evasioni fiscali inferiori ai 150mila euro non sono più penalmente rilevanti. Il viceprocuratore onorario, invece, aveva chiesto di condannare il cantante a 1 anno e 6 mesi di reclusione.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Palazzo di Giustizia. Inaugurazione dell'Anno Giudiziario in Corte di Cassazione

Strage Ustica, Cassazione: "Ministeri risarciscano la compagnia aerea Itavia"

Secondo i giudici, se i dicasteri "avessero adottato le condotte loro imposte dagli specifici obblighi di legge, l'evento non si sarebbe verificato"

FILES-ITALY-POLITICS-NAPOLITANO-HEALTH

Napolitano dimesso dall'ospedale San Camillo di Roma

Era ricoverato dal 24 aprile dopo il malore e l'operazione al cuore

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Aborto, nel 2016 meno della metà del 1982: tutti i dati

Una donna su tre è straniera, il 60% delle strutture ospedaliere lo pratica, 7 su 10 i medici obiettori