Lunedì 22 Gennaio 2018 - 09:30

Bersani: "Parlare con M5s è un dovere, fare un'alleanza è tutto un altro film"

L'esponente di Leu parla a Radio Capital delle possibili alleanze con Berlusconi e Di Maio

Hotel Nazionale. Pierluigi Bersani partecipa ad un seminario su Giuseppe Dossetti

"Parlare con i Cinque Stelle è un dovere, fare un'alleanza è tutto un altro film". Pier Luigi Bersani chiarisce con questa frase, su Radio Capital, la sua posizione su un possibile accordo con Luigi Di Maio dopo le elezioni. "Dare delle definizioni assiomatiche - continua - su cosa sono i Cinque stelle mi sembra prematuro. Il M5S è un universo che resterà in movimento. Con chi non è disposto a discutere di lavoro umano, welfare universalistico e progressività fiscale non apriamo neanche il libro". 

Ma nei contronti di Berlusconi, Meloni e Salvini la situazione non è migliore. "Noi con la destra non ci andiamo per una questione di igiene mentale. Chi dice che favoriamo la destra ha perso il senno. Noi portiamo a votare la gente che starebbe a casa", dichiara Pier Luigi Bersani su Radio Capital. "Noi facciamo vincere la destra? Sono argomento strumentali, perché Renzi fa la campagna contro di noi", conclude, ritenendo invece probabile un governo Renzi-Berlusconi. "Se seguo le tracce non posso avere dubbi su questo, la legge elettorale l'hanno fatta insieme, vuole che nell'istinto di Berlusconi non ci sia che è meglio parlare con Renzi che con la Lega e Salvini? E vuoi che nel pensiero di Renzi non ci sia: facendo fuori la sinistra si può ereditare l'elettorato di Berlusconi ormai in tramonto? Ma i numeri non ci sono".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Quirinale, terzo giro di consultazioni per la formazione del nuovo governo

Berlusconi attacca: "FI non sosterrà il governo, incompatibili con M5S"

Il leader forzista si scaglia contro "l'ideologia pauperista e giustizialista dei grillini"

Giuseppe Conte arriva alla Camera per le consultazioni

Conte incontra i partiti: al via le consultazioni per formare un nuovo governo

Il primo appuntamento è alle 12 alla Camera. Bonino (+Europa) e Lorenzin (Ap-Psi-Area civica) contrari al governo

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Il governo di Conte parte con lo scetticismo degli industriali

Nulla di quanto è stato paventato dal neo premier è in linea con i desiderata di Confindustria, nemmeno Tav e Tap, eppure Di Maio e Salvini non sembrano preoccuparsi

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Governo, Conte è il nuovo premier. Il giurista accetta l'incarico con riserva

Di Maio esulta: "Inizia la terza Repubblica". Lega: "Pronti a partire"