Venerdì 19 Febbraio 2016 - 09:15

Berlusconi: Romani non sono stupidi, voteranno Bertolaso

Ieri scontro con la Lega sul nome per le comunali dopo le dichiarazioni di Salvini

Guido Bertolaso

"Le inchieste giudiziarie su Bertolaso non hanno alcun fondamento, l'ho appurato personalmente studiando i dossier che lo riguardano. Non saranno un ostacolo quindi né per lui e nemmeno per me, che lo sosterrò nella campagna elettorale con l'assoluta convinzione che sia davvero il miglior candidato possibile per risolvere i problemi di Roma. I romani non sono stupidi. Sapranno guardare al di là delle appartenenze politiche e sceglieranno Bertolaso perché è la scelta giusta per il bene di Roma e dei romani". Lo afferma in una intervista a Il Tempo il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi. "Non abbiamo scelto un uomo di partito ma un campione del fare - aggiunge -  Da capo della Protezione Civile, Bertolaso ha dato prova di grandi capacità manageriali, sapendo gestire eventi e avvenimenti epocali fra i quali il dopo-terremoto in Abruzzo, lo spostamento del G8 all'Aquila, l'emergenza rifiuti a Napoli e in Campania. E tutti sappiamo quale sia ora la situazione dei rifiuti a Roma".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Confronto su La7 per referendum tra Matteo Renzi e Gustavo Zagrebelsky

Duello tv Renzi-Zagrebelsky su referendum costituzionale

Giurista: A rischio democrazia. Renzi: Cambio l'Italicum

Raggi: "Il Movimento mette in campo i suoi militanti migliori"

Campidoglio, Mazzillo è il nuovo assessore al Bilancio

Colomban va alle partecipate. Raggi: "Il Movimento mette in campo i suoi militanti migliori"

Neo assessore Colomban 'impreparato': Quante metro ci sono a Roma? Non lo so

Neo assessore Colomban impreparato: Quante metro ci sono a Roma? Non lo so

"Io ho già risanato due aziende pubbliche. Ma devo ancora studiare i dossier"

Campidoglio, web pentastellato si divide su nomina Mazzillo

Campidoglio, web pentastellato si divide su nomina Mazzillo

Al centro delle polemiche la non 'verginità' politica del nuovo assessore al Bilancio