Sabato 24 Dicembre 2016 - 13:15

Berlino, smantellata in Tunisia cellula Isis: fermato nipote Amri

L'uomo è accusato di aver giurato fedeltà allo Stato islamico su Facebook

Berlino, smantellata in Tunisia cellula jihadista: fermato nipote Amri

Le forze di sicurezza tunisine hanno arrestato nella notte il nipote di Anis Amri, il presunto autore della strage ai mercatini di Natale di Berlino, in cui sono morte 12 persone. Lo rende noto radio Mosaique spiegando che l'uomo è stato fermato con l'accusa di aver giurato fedeltà allo Stato islamico attraverso Facebook. Il suo arresto è inserito in un'operazione di polizia più vasta che ha portato allo smantellamento di una cellula jihadista composta da 3 ragazzi tra i 18 e i 27 anni, attiva tra Fouchana, nel governatorato di Ben Arous, e Oueslatia, in quello di Kairouan.

Secondo quanto riporta la radio, durante l'interrogatorio il nipote di Amri ha ammesso di essere stato in contatto con lo zio attraverso Telegram per fargli eludere controlli di polizia. Sempre su Telegram Amri lo convinse a giurare fedeltà allo Stato Islamico. Amri ha anche inviato soldi al nipote utilizzando una falsa identità per aiutarlo a raggiungerlo in Germania.

Il pubblico ministero tunisino ha autorizzato l'arresto di tutti i membri della cellula con l'accusa di appartenere a una organizzazione in relazione a reati di terrorismo.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Trump all'Iran: "Non minacciateci mai più, fate attenzione"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: tre morti e 12 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"