Sabato 24 Dicembre 2016 - 13:00

Berlino, Lega all'attacco. Salvini: Islam non è integrabile con noi

Manifestazione a Sesto San Giovanni dopo l'uccisione dell'attentatore Anis Amri

Berlino, Lega all'attacco. Salvini: Islam non è integrabile con noi

"L'Islam in questo momento storico non è integrabile con le nostre democrazie, i nostri valori e le nostre libertà". Il segretario della Lega Nord Matteo Salvini va all'attacco, al presidio 'Stop invasione' organizzato oggi a Sesto San Giovanni (Milano), a seguito dell'uccisone dell'attentatore di Berlino, Anis Amri. "Una religione che usa la violenza per imporre il suo modo di vivere non può avere spazio in Italia. Una religione per cui una donna vale meno di un uomo a casa mia non entra", accusa Salvini, "tutti gli episodi di terrorismo nel mondo hanno rivendicazioni islamiche. Non vedo bombaroli buddisti, valdesi, protestanti, Hare Krishna, atei, cristiani". "L'immigrazione è pericolosissima e aiuta solo il fanatismo e l'arrivo di potenziali attentatori alla nostra tranquillità, alla vita delle persone normali e in particolare a quella delle forze dell'ordine", gli fa eco Mario Borghezio. Una ventina di attivisti riuniti sotto la firma 'Sesto antifascista' ha manifestato contro il presidio della Lega Nord. "Le persone prima delle frontiere. No alla guerra tra poveri", lo slogan dei manifestanti,  Non si sono verificate tensioni né contatti tra i due gruppi.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Luigi Di Maio ospite a "Porta a Porta"

Vaccini, Di Maio come Salvini: "Niente obblighi, solo raccomandazioni"

La dichiarazione del candidato premier M5s ha ricordato a molti quella del leader della Lega sullo stesso tema

Inizio campagna elettorale per il candidato Attilio Fontana a Varese

Lombardia, Fontana: "Razza bianca a rischio". Gori: "No a isterismi e demagogia"

Le frasi shock del candidato di centrodestra su Radio Padania: "Se li accettassimo tutti non ci saremmo più noi come etnia"

Tessera del Pd bruciata: capogruppo M5s a Roma si scusa e rimuove video

Dietrofront di Paolo Ferrara dopo le polemiche: "Ho esagerato"

Pietro Grasso visita il parco di Via Giovannipoli, a Garbatella.

Elezioni, Grasso: "In Lombardia non c'erano presupposti per accordo con Pd"

Il leader di Liberi e Uguali. "In Lazio siamo con Zingaretti, ma se dem non stanno a sinistra non possiamo appoggiarli"