Sabato 24 Dicembre 2016 - 14:30

Gabrielli: Divulgare nomi agenti è giusto riconoscimento

Il capo della polizia definisce "inutili" le polemiche e aggiunge: "Queste discussioni sono abbastanza avvilenti"

Berlino, Gabrielli: Divulgare nomi degli agenti è giusto riconoscimento, non errore

"Non c'è alcuna esposizione, ma un riconoscimento chiaro". Così il capo della polizia Franco Gabrielli interviene sulla discussione seguita alla pubblicazione dei nomi degli agenti che venerdì notte hanno ucciso in uno scontro a fuoco Anis Amri. E' stata, sottolinea Gabrielli, "una sottolineatura per mettere al centro chi ha reso possibile tutto questo, rischiando la propria vita".

Con questo tipo di terrorismo, aggiunge Gabrielli, fare i nomi "non è né un errore né un'esposizione". E sottolinea che la preoccupazione "non è per le individualità, ma per l'appartenenza": "sono a rischio tutti coloro che rappresentano le forze di polizia e hanno una divisa", sostiene.

Gabrielli, ha firmato ieri una circolare nella quale si richiede massima attenzione per evitare azioni "ritorsive" contro le forze di polizia. La scelta di chiudere i profili social dei due poliziotti è una forma di "ulteriore cautela" verso gli agenti.

Infine sottolinea l'inutilità delle polemiche: "E' abbastanza avvilente che mentre tutto il mondo parla di noi e si complimenta con la polizia per il lavoro svolto - dice - noi continuiamo a farci del male guardando il dito e non la luna".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cei. Apertura del Consiglio episcopale permanente.

La Cei: "Credevamo sepolti i discorsi sulla razza, no alla 'cultura della paura'"

Il presidente Bassetti: "E' immorale lanciare promesse che si sa di non riuscire a mantenere e speculare sulle paure della gente"

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Pedofilia, Papa su Barros nessuna esitazione: "Ma chiedo scusa alle vittime"

"Ho usato parole sbagliate e ho ferito chi ha subito abusi", ha spiegato il Pontefice

Roma, chiesto processo per riciclaggio per Fini e i Tulliani

Sono accusati di essere coinvolti nel giro di affari del 're delle slot' Francesco Corallo

Infortunio mortale sul lavoro all'azienda Elettrotecnica LG

Cassino, si è suicidato il padre accusato di abusi dalla figlia minorenne

Il corpo senza vita trovato impiccato in una chiesa in località Castello a Roccasecca. La denuncia della ragazzina arrivata attraverso un tema in classe