Mercoledì 28 Dicembre 2016 - 16:15

Berlino, arrestato il presunto fiancheggiatore di Amri

L'uomo potrebbe essere stato coinvolto nell'attacco

Attacco Berlino, arrestato il presunto fiancheggiatore di Amri

Le autorità tedesche hanno fermato un uomo che potrebbe essere stato il fiancheggiatore di Anis Amri, il 24enne tunisino ritenuto l'autore dell'attacco ai mercatini di Natale di Berlino. Lo rende noto la procura tedesca spiegando che Amri aveva il numero di telefono dell'uomo arrestato, un 40enne di origini tunisine, nella rubrica del suo cellulare e i due si sarebbero sentiti varie volte. La polizia ha fatto perquisito la sua abitazione e nelle sue proprietà commerciali.
"Ulteriori indagini hanno indicato che l'uomo può essere stato coinvolto nell'attacco", fa sapere la Procura che entro domani sera dovrà decidere se formalizzare l'arresto.

Intanto le immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza hanno provato che Amri, durante la fuga del 22 dicembre, è passato per la stazione Torino Porta Susa. Poche ore dopo, a Sesto San Giovanni, lo scontro a fuoco con i due agenti di polizia, in cui l'attentatore morirà.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Verginità all'asta per pagarsi gli studi: 18enne italiana raccoglie 1 milione di euro

Vuole studiare a Cambridge, acquistare una casa e viaggiare: perciò ha preso la decisione di vendersi sul web. The Sun l'ha sentita e assicura che non è un falso

Giappone, allarme a Gamagori: pesce velenoso venduto per errore

Il fugu è considerato una prelibatezza nel Paese, ma dev'essere cucinato da cuochi esperti. Anche un solo boccone può rivelarsi fatale

Figli segregati in casa in California: genitori accusati di tortura

Tredici giovani legati ai letti senza cibo né acqua. Interrogati sul motivo, David Allen e Louise Anna Turpin non hanno saputo dare spiegazioni alla polizia

Burma Rohingya crisis

Rohingya rimpatriati entro due anni in Birmania: la paura dei profughi

Raggiunto un accordo con il Bangladesh. Ma i rifugiati, in fuga dalle violenze, non vogliono tornare nello Stato di Rakhine