Domenica 28 Agosto 2016 - 10:15

Bergamo, giallo sull'insegnante accoltellata: indagato il marito

Gianna Del Gaudio è stata uccisa nella notte tra venerdì 26 e sabato 27 agosto

Bergamo, giallo su morte insegnante accoltellata al collo: indagato marito

E' ancora giallo sulla morte di Gianna Del Gaudio, insegnante in pensione di 63 anni, uccisa nella notte tra venerdì 26 e sabato 27 agosto con una coltellata al collo nella sua villetta di via Montecampione a Seriate, in provincia di Bergamo. Al momento è stato indagato, come atto dovuto per chiarire la sua posizione, il marito della donna,   Antonio Tizzani, 68 anni capostazione anche lui in pensione. E' stato proprio Tizzani, la notte del delitto, a chiamare i carabinieri, ai quali ha raccontato di aver trovato il corpo della moglie senza vita sul pavimento della cucina e di aver visto uscire di casa un uomo incappucciato. Dopo il fermo di un giovane, risultato poi estraneo ai fatti, i carabinieri coordinati dal pm Laura Cocucci, hanno interrogato il marito e i due figli Mario e Paolo. Le indagini della scientifica sono proseguite per tutta la notte e anche in mattinata i carabinieri hanno setacciato la villetta e il giardino palmo a palmo alla ricerca dell'arma del delitto.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Mamma no vax falsifica documenti sui vaccini: si vanta su Fb, denunciata

Nella conversazione spiega compiaciuta il 'trucchetto' con cui ha ingannato l'asilo di Esine (Brescia)

Sub muore nel lago di Como, grave il compagno d'immersione

La vittima ha 47 anni. Il secondo sommozzatore, anch'egli 47enne, è ricoverato al Niguarda

Lombardia, contraccettivi gratis per gli under 24 nei consultori

L'ordine del giorno mira a sostenere la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e la procreazione responsabile

Brescia, bimba dodicenne autistica dispersa nei boschi di Serle

Brescia, nessuna traccia di Iushra: ultimo giorno di ricerche nei boschi

La 12enne autistica scomparsa nove giorni fa sull'altopiano di Cariadeghe. Un testimone ha raccontato di aver notato una ragazzina su una panchina, la stessa immagine vista da una sensitiva di Padova