Martedì 08 Agosto 2017 - 19:30

Belgio, polizia spara su auto a Bruxelles. Autista: 'Ho esplosivo'

Ma gli agenti non hanno trovato tracce sospette nella vettura

La polizia belga ha sparato contro un' auto, nel distretto di Molenbeek a Bruxelles. Il conducente della vettura prima dell'azione della polizia aveva detto di avere dell' esplosivo a bordo. L'uomo stava guidando e non si è fermato a un semaforo, ha spiegato il portavoce della procura Ine van Wymersch. La zona è stata isolata. Ma non sono trovati esplosivi nell'auto. Lo afferma la procura belga. "Si tratta - spiegano i procuratori tramite il loro portavoce - di una persona mentalmente instabile. I militari non hanno trovato alcun esplosivo nella vettura. Il sospetto è del Rwanda e non ha precedenti"

Il quartiere di Molenbeek, densamente popolato da persone musulmane di origine marocchina, è quello diventato noto per la cellula dello Stato Islamico in correlazione agli attentati di Parigi del novembre 2015 e di Bruxelles 4 mesi dopo. La polizia ha arrestato l'uomo che era a bordo dell'auto e che era stato ritenuto avere una guida sospetta. Dopo l'arresto dell'uomo, visto che aveva detto di avere esplosivi, è stato chiesto all'esercito di fare dei controlli.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido

Putin e Erdogan in conferenza stampa a Ankara

Russia, Putin: "Correrò alle elezioni da indipendente"

Il presidente russo spera nel sostegno di più di un partito politico

Handout photo of Kentucky state Representative Dan Johnson (R-KY)

Usa, si suicida deputato repubblicano del Kentucky accusato di stupro

L'accusa di stupro risale al 2013, ma il caso era stato riaperto sulla scia degli scandali sessuali che hanno travolto altri 4 deputati della sua legislatura

Rohingya refugees make their way over a bridge at the Kutupalong refugee camp near Cox's Bazar

Birmania, Msf: "6.700 rohingya uccisi in un mese". E il Papa: "Sono loro Gesù"

Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime