Lunedì 11 Dicembre 2017 - 23:00

Bel Toro a Roma, ma la Lazio è battuta (1-3) anche dal Var

Bella partita all'Olimpico. Bene i granata nel primo tempo. Ma un episodio condanna i biancoazzurri. Giacomelli: niente rigore e rosso a Immobile (mezza testata a Burdisso). Nella ripresa gol di Berenguer, Rincon, Luis Alberto e del ragazzino Edera

Lazio - Torino

Il Var, un Toro cinico e tante polemiche che non finiranno certo stasera. All'Olimpico la Lazio cade a sorpresa e i granata di Mihajlovic conquistano i tre punti con una vittoria per 3-1 che dà tanto morale gli uomini del serbo e che potrebbe avere numerose ricadute sui biancocelesti.

Dopo un primo tempo con il Torino più positivo, a fine parziale Iago Falque tocca con il braccio un cross di Immobile. Per Giacomelli non è rigore e dopo la consultazione del Video Assistance Referee arriva anche il rosso per il bomber dopo un contatto faccia a faccia con Burdisso. E' testata? Non è testata? Qualcuno dice "guanciata" e Burdisso dice all'arbitro: "Non mi ha fatto niente". Giacomelli decide per conto suo: niente rigore (ma dopo il suo diniego non era neanche in discussione) e rosso a Immobile e qui ci sono molti dubbi.

Nella ripresa prima segna Berenguer al 9', poi raddoppia Rincon dal limite. Per gli ospiti segna anche Edera (vent'anni), inutile la rete al 24' di Luis Alberto. La Lazio rimane ferma a 32 punti e non sfrutta la frenata di testa, Toro sale a 23 punti.

Nelle formazioni iniziali nessuna sorpresa per la Lazio, schierata con il suo consueto 3-5-1-1 con Luis Alberto a supporto di Immobile e Marusic confermato sull'out destro. Mihajlovic replica con il 4-3-3; Belotti è affiancato da Iago Falque e a sorpresa Berenguer. Nemmeno in panchina Ljaic. Mihajlovic spiegherà che "ha fatto qualcosa che non va". Quindi Ljaijc era in tribuna per motivi disciplinari. Quali, non è dato sapere.

Padroni di casa imprecisi nelle fasi iniziali e il Toro vuole approfittarne: al 5' Iago serve in area Belotti, che spara di destro e colpisce il palo. Poi ecco una chance per Immobile, servito in area da Luis Alberto: sul tiro del bomber della Nazionale si immola un provvidenziale N'Koulou. Lulic calcia fuori, mentre Bastos fa buona guardia su un propositivo Berenguer.

Al 19' Rincon spara dal limite: palla alta, ma l'ex Juve poteva fare meglio. La gara è piacevole e pochi minuti dopo è l'attivo Marusic a impegnare Sirigu con un sinistro angolato. Si muove benissimo Luis Alberto in mezzo al campo, strappando anche gli applausi dell'Olimpico per un recupero in difesa su Belotti. Al 24' maxi chance per il Torino: Molinaro sprinta a sinistra e calcia in diagonale, ma il suo tiro finisce a lato di pochissimo alla sinistra di Strakosha. Alla mezz'ora si fa vedere anche Belotti, che di testa non inquadra la porta su un bell'invito di Baselli.

Nel finale di tempo sale di intensità la Lazio, con Luis Alberto che sfiora il vantaggio con una bella punizione intercettata da Sirigu. Allo scadere del parziale, però, succede di tutto: prima Immobile tutto solo colpisce il palo a Sirigu battuto, sull'azione precedente Iago Falque allarga il braccio e intercetta in area un cross del centravanti campano. Tutto lo stadio invoca il rigore, che sembra esserci. Giacomelli sceglie di interpellare il Var ma la decisione fa impazzire di rabbia l'Olimpico: niente penalty e rosso per Immobile, reo di aver colpito con un accenno di testata Burdisso nelle proteste post mano di Falque.

Clima elettrico nello stadio a inizio ripresa, con Rincon ancora pericoloso con un destro a giro di poco fuori. Inzaghi però sprona i suoi, che vanno ad un passo dal gol al 3'. Milinkovic imbecca Leiva, ma Molinaro salva tutto in estirada a pochi passi da Sirigu. Ci prova anche il centrocampista serbo, poi al 9' doccia fredda per i padroni di casa; Berenguer scappa a sinistra, vince un rimpallo in area e in diagonale batte Strakosha.

Toro in vantaggio, Inzaghi lancia allora Felipe Anderson e Basta per Bastos e Marusic. Strakosha mura il tentativo da fuori di Belotti, ma al 19' arriva il raddoppio dei granata. A siglare il raddoppio è Rincon (uno dei migliori in campo), che ruba palla a Luis Alberto sulla trequarti e poi dal limite spedisce la palla in rete con un sinistro a giro.

Gli uomini di Inzaghi però non mollano e trovano il gol cinque minuti dopo. Lo stesso spagnolo si fa perdonare battendo Sirigu con un pallonetto delizioso su leggerezza della difesa granata. Lazio-Toro è però sicuramente un partita banale e quanto succede appena 240 secondi lo dimostra. Il baby Edera, appena entrato al posto di un esausto Iago Falque, sfrutta un errore in disimpegno di Radu e calcia forte di sinistro: palla nell'angolino alla destra di Strakosha e 3-1 Toro.

A nove dal termine Lulic calcia fortissimo da fuori ma Sirigu fa buona guardia. Nel finale il neoentrato Acquah si fa murare da Strakosha e Belotti non trova il gol a pochi passi dalla linea di porta. Serata nera per la Lazio, che chiude in nove con Luis Alberto che lascia il campo per un problema al flessore. Il Toro trova una vittoria dopo quattro pari consecutivi ma la Lazio schiuma di rabbia. E senza Immobile sarà dura fino alla pausa natalizia.

LA MOVIOLA:

Sul finire del primo tempo momento decisivo del match: sul cross di Immobile, tocco di braccio largo di Iago Falque a distanza ravvicinata. Nel proseguo dell'azione, l'attaccante biancoceleste rifila una mezza testata a Burdisso (che dice: "Non mi ha toccato"). L'arbitro si affida dalla Var, espelle Immobile ma non sanziona il mani di Iago giudicandolo involontario. Nella ripresa, Milinkovic-Savic interviene duramente su Molinaro e se la cava con un giallo. Resta invece impunita una manata di Parolo a Baselli.

LAZIO-TORINO 1-3

Marcatori: Berenguer al 9' st, Rincon al 19' st, Luis Alberto al 24' st, Edera al 28' st.

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Bastos (10' st Basta), de Vrij, Radu; Marusic (10' st Felipe Anderson), Parolo, Leiva (13' st Caicedo), Milinkovic, Lulic; Luis Alberto; Immobile.

A disp. Vargic, Guerrieri, Patric, Wallace, Luiz Felipe, Basta, Murgia, Lukaku, Jordao, Felipe Anderson, Palombi, Caicedo. All. Simone Inzaghi

TORINO (4-3-3): Sirigu; De Silvestri, N'Koulou, Burdisso, Molinaro; Rincon (40' st Acquah), Valdifiori, Baselli (30' st Obi); Iago Falque (25' st Edera), Belotti, Berenguer. A disp. V. Milinkovic, Ichazo, Lyanco, Moretti, Barreca, Fiordaliso, Kone, Boye, De Luca. All. Sinisa Mihajlovic

ARBITRO: Giacomelli (sez. Trieste)

NOTE. Ammoniti N'Koulou, Milinkovic. Espulso Immobile.

Scritto da 
  • Alessandro Banfo
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Sassuolo - Torino

Serie A, Berardi replica ad Obi: è 1-1 tra Sassuolo e Torino

Dopo l'esordio vincente con il Bologna, Mazzarri non riesce a centrare la seconda vittoria consecutiva

Lazio - Chievo Verona

Serie A, Lazio super anche senza Immobile: Chievo travolto 5-1

Vittoria meno netta di quanto dica l'altisonante 5-1 ma meritatissima e che porta in calce la firma di Milinkovic-Savic

Caso Anna Frank, chiesti 2 turni a porte chiuse per la Lazio

La sentenza della Procura fedelae è prevista per l’inizio della prossima settimana

Spal - Lazio

Serie A, Immobile cala il poker: Lazio travolge Spal 5-2

Non è bastato l'orgoglio alla Spal per evitare la sconfitta, vendicata dagli ospiti la gara d'andata quando all'Olimpico la Lazio fu frenata sullo zero a zero