Mercoledì 14 Settembre 2016 - 13:45

Bayer compra Monsanto: ok ad accordo da 66 miliardi di dollari

Le trattative tra le due società erano iniziate a marzo: il pagamento sarà tutto in contanti

Bayer compra Monsanto: ok ad accordo da 66 miliardi di dollari

Bayer acquista Monsanto a 128 dollari per azione in contanti, pari a un'offerta del valore di 66 miliardi di dollari compreso il debito del colosso dei semi Usa. La società tedesca ha riferito in una nota di aver concordato una penale di 2 miliardi di dollari in caso di stop dall'antitrust. L'accordo sarà finalizzato entro la fine del 2017. L'operazione ha un valore record tra quelle realizzate in cash. Sulla base di 442 milioni di azioni Monsanto e del debito netto del colosso dei semi, pari a 9,3 miliardi di dollari alla fine di maggio, l'accordo vale complessivamente quasi 66 miliardi di dollari. Le trattative tra le due società erano iniziate a marzo. La prima offerta della tedesca Bayer, pari a 122 dollari per azione, era stata presentata a maggio

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Manovra, Mef: Decreto arriverà dopo il 10 aprile

Manovra, Mef: Decreto arriverà dopo il 10 aprile

Anticipazioni dell'Huffington Post smentite dal Governo

Carige, richieste da Consob su ricapitalizzazione e azioni responsabilità

Carige, richieste da Consob su ricapitalizzazione e azioni responsabilità

Tra le richieste ci sono quelle di fornire al pubblico informazioni sulle modalità attraverso le quali si intende conseguire entro l'attuale esercizio un deconsolidamento del portafoglio sofferenze

Alitalia, Ball: Il piano è forte, l'obiettivo è la sopravvivenza

Alitalia, Ball: Il piano è forte, l'obiettivo è la sopravvivenza

Incontro al Mise, l'ad: Vogliamo stabilizzare l'azienda

Inflazione Eurozona sale al 2% su base annua. Padoan su crescita: Chiari segnali positivi

Eurozona, inflazione al 2%. Padoan: Segnali positivi su crescita

Secondo il titolare dell'Economia proseguirà anche nel 2017 e nel 2018. Priorità? Lotta a reati fiscali