Giovedì 15 Dicembre 2011 - 01:05

Bari, traffico droga: sequestrati 760 kg marijuana, 1 arresto

IMG

Bari, 15 dic. (LaPresse) - Maxi sequestro di 760 chili di marijuana e un denunciato a Bari in una operazione antidroga della guardia di finanza. I militari del comando provinciale, in collaborazione con funzionari del locale ufficio delle dogane hanno sequestrato la marijuana trasportortata a bordo di un autocarro, anch'esso finito sotto sequestro, che era sbarcato dalla motonave 'Samsun' proveniente dall'Albania. I finanzieri, nel corso di un controllo, insospettiti per l'anomala disposizione del carico sull'automezzo, hanno scoperto la presenza di una intercapedine appositamente creata tra il cassone e la cabina di guida, all' interno della quale hanno trovato l'ingente quantità di sostanza stupefacente, confezionata in 685 panetti. La marijuana, sul mercato illegale dello spaccio, avrebbe fruttato alle organizzazioni criminali oltre 8 milioni di euro. L'autista del camion, un albanese, 39enne, residente in Italia, è stato tratto in arresto per traffico internazionale di sostanze stupefacenti e contrabbando doganale ed associato alla casa circondariale di Bari.

Scritto da 
  • redazione web

Ti potrebbe interessare anche

Monito di Papa Francesco all'Occidente

Papa, Occidente deve fare autocritica sulle primavere arabe

Richiamo all'Europa sui migranti: Deve e può cambiare

Fiaccolata a Fiumicello  in ricordo di Giulio Regeni

Regeni,il grido della sua Fiumicello: Vogliamo verità

L'ambasciatore al Cairo dichiara di aver visto il corpo con segni di violenza, percosse e tortura 

Papa Francesco recita il tradizionale Angelus domenicale

Siria, Papa: Seguo con preoccupazione comunità non risparmi sforzi

"Solo una soluzione politica del conflitto sarà capace di garantire un futuro di riconciliazione e di pace"

Brindisi, arrestato sindaco Consales per corruzione in gestione rifiuti

Brindisi, arrestato sindaco Consales per corruzione in gestione rifiuti

"La Regione Puglia ha fiducia nella Magistratura di Brindisi" è il commento del presidente Michele Emiliano