Giovedì 05 Maggio 2016 - 14:00

Bari, Arcigay: Il suicidio del 18enne è una sconfitta per tutti

Il ragazzo si è tolto la vita poco prima della mezzanotte di martedì gettandosi sotto un treno

Bari, suicidio ragazzo gay sotto il treno

"Una notizia terribile, un dolore immenso". Così Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay, commenta la notizia del 18enne gay che si è tolto la vita a Bari, poco prima della mezzanotte di martedì gettandosi sotto un treno. La Procura di Bari ha aperto un'inchiesta, al centro delle indagini ci sono anche i file audio delle violente litigate con i genitori adottivi, che non avebrebbero accettato il suo coming out. Questi file erano stati inviati dal ragazzo ad alcuni amici. 

RICHIESTE D'AIUTO. "Il racconto del contesto in cui è maturata la tragica volontà del giovane - dice Piazzoni - ci pone interrogativi molto seri. Innanzitutto sulla qualità della vita di un ragazzo di 18 anni come lui, in secondo luogo sulle sue disperate e reiterate richieste d'aiuto, esplicite e inconfondibili, che non sono state sufficienti a garantirgli il sostegno necessario. Siamo tutte e tutti interpellati se un adolescente omosessuale decide di togliersi la vita, perché quella vita difficile gliel'hanno cucita addosso gli altri, lui non c'entra. Lui è solo quello che a un certo punto sceglie di dire basta.

LEGGE CONTRO OMOFOBIA. "Contro l'omofobia servirebbe una legge, certo, e ancora non l'abbiamo: giace mal scritta da centinaia di giorni al Senato", spiega Piazzoni. "Ma contro l'omofobia, il razzismo, la xenofobia, il sessismo servirebbe anche un impegno diffuso, la responsabilizzazione di tutte e tutti. Perché un Paese migliore,  in cui a un diciottenne non passi la voglia di vivere, ce lo dobbiamo costruire noi, innanzitutto.  Poi però c'è anche un altro aspetto in questa vicenda, molto concreto, che deve interpellare le amministrazioni locali e il Governo: come si può non intercettare queste richieste d'aiuto? Quali lacune gravi  ha un sistema di welfare che non riesce a intervenire e a incidere in questa parabola terribile? Lo Stato è ancora in grado di farsi carico davvero della salute e del benessere dei suoi cittadini? Oltre alle domande resta il dolore: di chi apprende questa storia, ma soprattutto di tutte le persone che hanno voluto bene a quel ragazzo e del compagno che lo ha amato: a  loro ci stringiamo e mandiamo tutto il nostro affetto", conclude Piazzoni, segretario dell''Arcigay.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Nashville sparatoria in un locale

Usa, spari in una scuola in Indiana: due feriti, fermato sospetto

Colpita la Noblesville West Middle School di Indianapolis

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Mostro Circeo, Izzo a pm: "Nel '75 uccidemmo una 17enne veneta"

Ha raccontato ai magistrati la verità su Rossella Corazzin, sparita 43 anni fa dai boschi di Tai di Cadore mentre era in vacanza. Fu violentata da un branco di 10 uomini e poi ammazzata

L'esercito dei bambini scomparsi: in Italia sparisce un minore ogni 48 ore

Nel 2017 il Telefono Azzurro ha gestito 177 casi. Il Lazio la regione più problematica